“TESTE CALDE – TESTE FREDDE”

teste

Il folle piano di cannoneggiare le nuvole con il laser
per fermare il cambiamento climatico.

Con il giusto tipo di tecnologia, è possibile. 

di Neel V. Patel

A Parigi l’accordo sul cambiamento climatico, e mentre ci sono speranze che potremmo essere in grado di riuscire a mantenere la temperatura della Terra senza farle ulteriormente salire, molti esperti stanno già dicendo che avremo bisogno di pensare in forma molto più radicale se vogliamo davvero salvare il pianeta. A secondo di chi parla, la geo-ingegneria (o come viene detto in alcuni ambienti, diminuire il riscaldamento “tagliando il clima“) potrebbe salvare tutti noi.

Quando si tratta di geo-ingegneria, c’è una piccola cosa che dovremmo prestare particolare attenzione, le nubi. Le masse di gocce d’acqua che galleggiano nel cielo sopra di noi svolgono un ruolo essenziale nel riflettere la luce solare nello spazio mantenendo il pianeta fresco e confortevole. Quindi, cosa succederebbe se potessimo in qualche modo modificare le nuvole per far riflettere ancora di più luce? Possiamo salvare il pianeta in quel modo?

Potrebbe esserlo. E, la chiave, che secondo un nuovo studio condotto da ricercatori provenienti da Svizzera e Germania, per questo metodo potrebbe essere il laser. Pubblicato in La scienza avanza, lo studio mostra come il team di ricerca ha costruito e ricreato in un ambiente controllato di laboratorio le nuvole che si formano in condizioni di alta atmosfera (aka Cirri). Successivamente hanno elettrizzato quelle nuvole con potenti raffiche di laser.

Qui, è dove le cose si fanno davvero interessanti: quando le particelle di ghiaccio congelate all’interno delle nuvole sono colpite con il laser, all’interno delle stesse nuvole si forma al centro un plasma estremamente caldo, un’onda d’urto rompe il ghiaccio frantumandolo facendolo increspare verso l’alto.

Qualunque sia il vapore acqueo che viene rilasciato, rapidamente si trasforma in particelle di ghiaccio più piccole. Le piccole particelle che sono state frantumate  possono coprire una superficie maggiore all’interno delle nuvole in modo di permettere loro collettivamente di riflettere più luce solare a differenza delle particelle in precedenza più pesanti.

Una parte del motivo di questa ipotesi, suona come una folle idea perché in realtà non abbiamo una potente tecnologia laser per sparare potenti laser verso il cielo e soffiare i cristalli congelati in frammenti più piccoli tra le nuvole. La chiave di questa ipotesi potrebbe essere un laser da 100 gigawatt, che serve anche per inviare navicella verso sistemi stellari lontani anni luce? Può essere. (I Geo-ingegneri e gli ingegneri astrofisici dovrebbero iniziare a collaborare più frequentemente l’uno con un l’altro.)

In realtà, c’è un altro ostacolo, per attuare questa idea e renderla fattibile: la geo-ingegneria è una sorta di soluzione folle nei cambiamenti climatici. Anche se si potesse risolvere il problema del cambiamento climatico, le tecniche di geo-ingegneria potrebbero anche aggravare il problema ancora di più, o portare a qualche altro disastro ambientale intenzionale che minaccerebbe la vita di esseri umani e animali in tutto il mondo.

Mediante l’attuazione di tali strane idee potrebbero benissimo portarci alla nostra distruzione prima di quanto pensiamo.

I Laser potrebbero davvero portare alla fine del nostro mondo come lo conosciamo? E’ possibile. Rompere il ghiaccio tra le nuvole potrebbe portare ad avere più luce solare riflessa – o potrebbe semplicemente creare più calore nell’atmosfera che normalmente sarebbe contenuta in un più ampio solido congelato.

Saranno necessarie le teste più fredde per valutare veramente quanto bene potrebbe funzionare una soluzione come questa per salvare la Terra dal surriscaldamento.

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

fonte: http://guardforangels.altervista.org/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: