FATTURE E MALOCCHIO: COSA SONO TRA SOGNO E REALTA’

vudu-togo

Nelle ultime settimane che definire strane è un eufemismo tante sono state le coincidenze strampalate e i personaggi da fiaba incontrati lungo stradine sperdute, ho fatto un sogno decisamente insolito. Protagonista dell’avventura onirica un grumo di capelli, che nella tradizione popolare fa alzare le antenne. Fatture in corso!

GRUMI E CIOCCHE DI CAPELLI: SINTOMI DI FATTURA?

grumo-capelli

Capelli umani avvolti su limone con spilli. Fonte: http://www.ismaell.net/

Nel sogno avevo una lunga chioma dalla quale pendava un grumo di capelli che ha inaspettatamente preso fuoco mentre io, in preda a euforia mista a paura, esultavo per essermene liberata. Il grumo è caduto a terra incenerendosi e mi sono ritrovata con un taglio corto.

Incuriosita e perplessa, ho chiesto il parere di 3 curiosi personaggi:

– l’amico solitario mi ha risposto che prima di gettare via un grumo di capelli bisogna ricordarsi di guardare cosa c’è dentro.

-L’esperta di sogni mi ha suggerito che quel grumo simboleggia una paura di cui probabilmente mi sono sbarazzata dandole fuoco.

-Il mistico di terre esotiche ha confermato che si tratta di un mio timore sconfitto grazie al sogno. Ha inoltre aggiunto che i sogni a testa pelata sono di cattivo auspicio. Per fortuna avevo un bel taglio corto.

Considerato che i sogni interagiscono con la realtà (se fai incubi ricorrenti ho ideato una consulenza ad hoc, “Il giardino degli incubi“) e non lo dico io ma anche quel gran cervellone di Igor Sibaldi, ora capisco perché mi è rimasto tanto impresso. Ma a questo punto, trattandosi di una mia paura, che c’entra il malocchio? Nella tradizione popolare i grumi di capelli, o le ciocche di capelli, simboleggiano spesso fatture ma le fatture malocchio esistono?

COSA SONO LE FATTURE E IL MALOCCHIO

museo-vodou

citizensketcher.com

Tradizionalmente il malocchio, letteralmente “occhio che getta il male“, è una forma di fattura operata attraverso lo sguardo che provoca eventi malefici ai danni di qualcuno. Se notate una donna romena (non so se in Italia si faccia lo stesso) sputacchiare accanto a un neonato, molto probabilmente sta esorcizzando il timore che qualche conoscente gli lanci il malocchio.

Le fatture sono invece malefici realizzati con appositi oggetti trattati magicamente, cui si attribuisce la capacità di esercitare poteri sulle persone attraverso l’attivazione di forze occulte diaboliche. La teoria alla base delle fatture è che ogni corpo vivente resti partecipe di ogni suo frammento, quindi eventuali peli, capelli, unghie prelevati a una persona rimangono legati alla stessa e possono essere utilizzati per farle del male.

Nelle fatture a distanza vale invece il principio di omeopatia, secondo il quale il simile produce il simile. C’è anche chi sostiene che le fatture possano essere scagliate contro qualcuno da persone dotate di peculiari facoltà paranormali.

L’iper-razionalità rigetta le superstizioni di questo tipo ritenendole frutto di tradizioni senza fondamento in quanto non dimostrabili, prospettiva a mio parere molto limitata. E’ un po’ come dire che gli odori non esistono perché non possiamo sentirli.

Tornando ai malefici, essi si distinguono in diretti e indiretti:

– i malefici diretti sono quelli che si effettuano direttamente sul destinatario attraverso oggetti che entrano in contatto con la persona.

– i malefici indiretti sono quelli operati manipolando oggetti che rappresentano la vittima, per esempio sue fotografie, indumenti oppure oggetti che la rappresentano simbolicamente come pupazzi e bambole.

I grovigli di capelli rappresentano secondo la tradizione popolare tipici sintomi di fattura che nel caso specifico bloccano la vittima.

COSA NE PENSO DELLE FATTURE E DEL MALOCCHIO

Credo nelle fatture e nella possibilità che ci influenzino perché la superstizione cela spesso un fondo di verità, tuttavia sono dell’idea che funzionino solo se intercettano nostre paure. Il male gioca con le debolezze, pertanto siamo noi, in un certo senso, ad attivarlo, non chi compie la fattura. Se la porta è aperta, l’energia negativa entra e fa il suo sporco lavoro. Se la porta è chiusa, tutto rimane come prima.

In questa prospettiva la responsabilità della fattura passa alle vittime e per quanto possa sembrare ingiusto, in realtà è un bene. Ritengo che il problema delle superstizioni, per come sono state intese nel corso del tempo, sia proprio la deresponsabilizzazione della vittima, che anziché essere incoraggiata a guardarsi dentro con sincerità, ha sempre puntato il dito sul cattivo di turno. Ci sarebbe molto altro da dire a proposito di anti-fatture e rituali per esorcizzarne gli effetti negativi ma non è mia intenzione approfondire l’argomento sebbene il fuoco, nel mio sogno, abbia evidentemente assolto a questo compito.

TESTIMONI DI FATTURE: ESEMPI INQUIETANTI

I reperti di fatture sono chiamati “testimoni“, vengono di solito posizionati nelle vicinanze o nella casa della vittima. Di seguito alcuni testimoni di fatture inquietanti.

bambolotto-fattura

Bambola con piume. Fonte: www.cronacheesoteriche.com

testimone-di-fattura

Figurina in terra cotta di epoca romana rinvenuta in Egitto. Museo Louvre, Parigi. Fonte: www.cronacheesoteriche.com

maleficio

Bambola avviluppata da fili di lana. Fonte: http://www.ismaell.net/

HOME

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: