FENOMENI PARANORMALI NEL SANTO SEPOLCRO? – LA TOMBA DI GESÙ È STATA RIAPERTA IN QUESTI GIORNI E CI SONO TESTIMONIANZE, ANCHE DI SCIENZIATI, SU EVENTI MISTERIOSI. ANTONIO SOCCI RACCONTA COSA STA SUCCEDENDO A GERUSALEMME, TRA ‘DOLCI AROMI’ CHE SI SPRIGIONAVANO E PERTURBAZIONI ELETTROMAGNETICHE (VIDEO)

VIDEO – LA RIAPERTURA DEL SANTO SEPOLCRO A GERUSALEMME

Antonio Socci per ‘Libero Quotidiano’

lastra di marmo con croce incisaLASTRA DI MARMO CON CROCE INCISA

 di Gesù

È un giallo quello del sepolcro di Gesù riaperto in questi giorni. Cosa è stato ritrovato? Accadono davvero fenomeni misteriosi in quel luogo unico al mondo?

santo sepolcroSANTO SEPOLCRO

Vediamo anzitutto la cronaca. Per alcuni lavori di consolidamento alla basilica del Santo Sepolcro, a Gerusalemme, è stato disposto di aprire quello che la tradizione bimillenaria afferma essere il luogo della sepoltura di Gesù.

Il 26 ottobre scorso un team di restauratori dell’ Università Nazionale Tecnica di Atene ha rimosso la lastra di marmo che copriva la roccia su cui (nel pomeriggio di venerdì 7 aprile dell’ anno 30) fu deposto il corpo di Gesù (quella tomba, scavata nella roccia, dicono i Vangeli, apparteneva a un autorevole membro del Sinedrio, Giuseppe d’ Arimatea, amico e discepolo di Gesù).

restauro santo sepolcroRESTAURO SANTO SEPOLCRO

Il 27 ottobre scorso Repubblica riferiva: «Fredrik Hiebert, archeologo residente della National Geographic Society che partecipa al progetto di restauro, ha spiegato che per l’ analisi scientifica dei reperti ci vorrà del tempo, anche per la notevole quantità di materiale rinvenuto, ma si è detto ottimista sul fatto la lastra rinvenuta possa essere quella citata dalle Sacre Scritture».

Il 31 ottobre, il National Geographic, in esclusiva, pubblicava un servizio di Kristin Romey che informava dettagliatamente sul lavoro dei tecnici: «I ricercatori hanno anche ritrovato le tracce delle pareti della grotta, oggi racchiusa dall’ Edicola… è stato possibile portare alla luce l’ originaria roccia calcarea. “È questa la Sacra Roccia venerata da secoli, ma solo oggi possiamo effettivamente vederla”, ha commentato Antonia Moropoulou, principale supervisore scientifico dei restauri».

restauro national geographicRESTAURO NATIONAL GEOGRAPHIC

IL DUBBIO

La Romey ha riportato anche le parole di Dan Bahat, ex archeologo capo della città di Gerusalemme: «Forse non possiamo essere assolutamente certi che il sito della basilica sia l’ effettivo sito di sepoltura di Gesù, ma di certo non ce n’ è un altro che possa aspirare all’ identificazione con altrettanta autorevolezza, e quindi non abbiamo motivi per dubitare della sua autenticità».

restauro edicolaRESTAURO EDICOLA

In pochissimi giorni sono stati fatti i lavori e la tomba è stata richiusa. Adesso i reperti ritrovati saranno studiati a lungo.

Ma il sito cattolico d’ informazione Aleteia il 9 novembre ha pubblicato un articolo nel quale si parla di alcuni strani fenomeni verificatisi durante questi lavori. Prima di tutto «un “dolce aroma” che emanava dalla tomba», cosa che – secondo Aleteia – «ricordava le manifestazioni olfattive associate a certi santi».

Su questo bisogna essere molto cauti, quasi scettici, perché potrebbe essersi trattato di autosuggestione o di residui di unguenti profumati, anche depositati lì dai pellegrini lungo i secoli. Ma è l’ altro fenomeno segnalato da Aleteia che più incuriosisce: «In secondo luogo, certi strumenti di misurazione impiegati dagli scienziati sono stati alterati dalle perturbazioni elettromagnetiche. Quando venivano collocati in verticale sulla pietra sulla quale ha riposato il corpo di Cristo, gli apparecchi smettevano di funzionare o funzionavano male. La direttrice dei lavori, Antonia Moropoulou, ha affermato che è difficile immaginare che qualcuno abbia messo a rischio la propria reputazione per un “trucco pubblicitario”».

preghiere santo sepolcroPREGHIERE SANTO SEPOLCRO

Questo è un fenomeno molto interessante, ma purtroppo, al momento, non se ne sa di più. Il sito cattolico riporta anche un’ altra dichiarazione dell’ archeologo Fredrik Hiebert, della National Geographic Society, all’ Associated Press: «Quello che abbiamo riscontrato è sorprendente».

Tuttavia non sembra che queste parole si riferiscano ai fenomeni fisici anomali segnalati poco prima. Che dunque, per ora, non hanno altre conferme. In ogni caso Marco Tosatti, autorevole vaticanista e studioso della Sindone, ha fatto un’ associazione d’ idee fra questi presunti fenomeni fisici e quanto si è venuto scoprendo, negli ultimi anni, sull’ immagine impressa nel telo che – proprio su quella pietra tombale appena riportata alla luce – avvolse il corpo di Gesù.

pellegrini a gerusalemmePELLEGRINI A GERUSALEMME

Quella pietra infatti – se è l’ autentica roccia su cui fu deposto Gesù – è il luogo fisico su cui avvenne la resurrezione. Un evento unico nella storia verificatosi a contatto diretto con essa. Perciò – in via ipotetica – potrebbe anche essere plausibile che la pietra ne porti delle misteriose tracce fisiche, così come le porta la Sindone.

LA RESURREZIONE

Nel caso della Sindone sappiamo – dalla medicina legale – che il lenzuolo ha sicuramente avvolto il corpo morto di un uomo crocifisso, che quel corpo non è rimasto dentro al lenzuolo per più di 42 ore (perché non vi è traccia di putrefazione) e infine sappiamo (dai coaguli sanguigni) che il corpo si è sottratto alla legatura del lenzuolo senza alcun movimento fisico.

È come se avesse attraversato il lenzuolo stesso, dunque un corpo di carne, ma glorificato, non più sottoposto ai limiti di tempo e di spazio.

operaio al santo sepolcroOPERAIO AL SANTO SEPOLCRO

È precisamente la caratteristica che aveva il corpo risuscitato di Cristo secondo il Vangelo dove infatti si legge che – dopo la resurrezione – Gesù entrò in un Cenacolo che aveva le porte sbarrate (Gv 20,19).

Anche i nostri corpi, insegna la Chiesa, saranno divinizzati.

Dunque Tosatti ricorda – a proposito della Sindone – una delle ipotesi recenti che è stata formulata da Giuseppe Baldacchini, fisico, già dirigente presso il Centro di Ricerca Enea di Frascati, Roma Atomic, Molecular and Optical Physics, Condensed Matter Physics, Cryogenics.

operai nella edicola del santo sepolcroOPERAI NELLA EDICOLA DEL SANTO SEPOLCRO

 Rispondendo a una domanda sul suo studio sul sacro telo lo scienziato ha dichiarato: «La mia preparazione di fisico mi ha permesso di fare delle ipotesi sulla possibilità che l’ immagine fosse dovuta ad un’ esplosione di energia. E questa ipotesi è stata verificata in laboratorio con l’ uso di sorgenti laser molto particolari. Dopo un lungo lavoro, abbiamo dimostrato che in realtà in certe condizioni queste sorgenti laser possono produrre le immagini simil-sindoniche. È chiaro che con queste sorgenti veniva simulata un’ esplosione di luce.

marmo nella tomba di gesuMARMO NELLA TOMBA DI GESU

Quindi che un lampo di luce che abbia prodotto questa Sindone è stato corroborato da misure scientifiche di un certo spessore». Se dunque l’ immagine della Sindone – tuttora inspiegabile – è stata formata da un’ improvvisa, fortissima e misteriosa energia, sprigionatasi dal corpo, si tratta di un evento soprannaturale che però ha lasciato una traccia fisica sulla materia direttamente a contatto con il corpo.

LE ANOMALIE

in fila al santo sepolcroIN FILA AL SANTO SEPOLCRO

Tosatti si chiede se c’ è qualche «collegamento» fra il fenomeno ipotizzato dagli esperimenti di Bandacchini «e le anomalie inspiegabili avvenute agli strumenti di misurazione elettromagnetica posti sul sepolcro». E conclude: «L’ interrogativo è quantomeno affascinante». D’ altra parte – al di là dei fenomeni fisici riscontrati sulla pietra del Santo Sepolcro – la cosa più importante per i cristiani è il significato spirituale di quella roccia di Gerusalemme: «Questo», disse Giovanni Paolo II, «è il luogo più sacro del mondo. Questa tomba vuota è la testimone silenziosa dell’ evento centrale della storia umana».

impalcature al santo sepolcroIMPALCATURE AL SANTO SEPOLCRO

Perché gli uomini non sono stati fatti per morire. «Dio non ha creato la morte», dice la Bibbia. E a questa profonda ingiustizia si ribella la nostra natura, perciò Cristo – sconfiggendo la morte – ha risposto al nostro desiderio più profondo.

Anzi, forse ancor più forte è il nostro desiderio che non muoiano le persone che amiamo: «Ama chi dice all’ altro: tu non puoi morire», scrisse Gabriel Marcel. E qui c’ è da ricordare l’ intuizione geniale e struggente di Dante il quale, nel canto XIV del Paradiso, dice che la felicità dei beati sarà piena non tanto (o non solo) per la resurrezione dei propri corpi, ma per quella delle persone amate («per le mamme/ per li padri e per li altri che fuor cari»).

francescano nella tomba di gesuFRANCESCANO NELLA TOMBA DI GESU

Cosicché nulla andrà perduto di ciò e di coloro che abbiamo amato. Nemmeno quel certo sorriso e quello sguardo. Riavremo tutto e molto di più. In una misura di gioia inimmaginabile alla nostra fantasia terrena. Questa è la promessa cristiana per i beati.

edicola vista dall altoEDICOLA VISTA DALL ALTO

www.antoniosocci.com riproduzione riservata.

pellegrinaggio tombe di gesuPELLEGRINAGGIO TOMBE DI GESU

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: