GRAN SASSO: UN LABORATORIO DI FISICA NUCLEARE CHE VIOLENTA L’ITALIA!

di Gianni Lannes

Io so di non sapere, ma in ogni caso il dubbio ma non l’accettazione acritica di presunte verità ufficiali, è la base di ogni civiltà umana, nonché il fondamento della ricerca. Quando la scienza è un pretesto ammantato dal segreto di Stato, quando si nega e si tranquillizza fino all’imbonimento delle masse. Quanto è piccolo il mondo disumano, dove la fantascienza (DARPA) ha soverchiato la realtà. Basta scavare un po’ e tutto torna a rigor di logica, per ricostruire il bandolo della matassa sulla base di un’esperienza personale diretta, verificabile da chiunque. Le autorità tricolori non hanno mai rivelatogli eventuali danni subiti a seguito del sisma dell’Aquila (309vittime) e pure adesso tacciono al laboratorio di fisica nucleare. Perchè? Qualcosa da nascondere? Si sa solo che parte del corno piccolo ha subito danni e non era mai successo prima. Chi controlla i controllori – laureati e analfabeti funzionali – in Italia? Nessuna anima viva super partes. Dinanzi all’ennesima carneficina (291 morti accertati attualmente) di connazionali innocenti e di tanti bambini non si può tacere.

Ad un soffio da L’Aquila, ad un passo da Amatrice e da Rieti, nelle viscere dell’Appennino, esattamente dentro il sistema geologico più delicato in assoluto di tutta la dorsale italica, che disseta 1 milione di persone. In loco le zolle tettoniche sono instabili come in nessun altro luogo del belpaese. Lì, dove oscillano i neutrini, il regno della Fisica delle Particelle, dove stanno conducendo in questo momento esperimenti sulle esplosioni delle Supernovae, lì dove quantità abnormi di energia vengono convogliate in condotte progettate per studiare l’infinitamente piccolo della materia e ciò che si nasconde tra etere e le conosciute quattro dimensioni dello Spazio/Tempo. Lì dove torturano madre Terra, punzecchiandone il sistema nervoso. Lì dove la scienza crede di poter dominare la forza dell’universo. Proprio lì, in corrispondenza degli epicentri dei più disastrosi terremoti recenti italiani. Lì dove certi omuncoli in camice bianco e divisa d’ordinanza si credono “dei”. Quali sono realmente gli esperimenti in atto attualmente?

Nati da un’idea di Antonino Zichichi, la loro costruzione ebbe inizio nel 1982 e sono stati costruiti assieme al traforo autostradale del Gran Sasso. Cinque anni dopo vi si tenne il primo esperimento. I laboratori sotterranei contengono tre “sale” (sala A, sala B e sala C) le cui dimensioni tipiche sono di 100 metri di lunghezza per 20 metri di larghezza e 20 metri di altezza. Oltre alle tre sale principali i laboratori sotterranei sono costituiti da alcuni locali di servizio, da dei tunnel di collegamento (uno dei quali collega tutte le tre sale ed è sufficientemente grande da permettere il passaggio di grossi autocarri) e da alcune piccole altre zone sperimentali dove trovano collocazione alcuni esperimenti di piccole dimensioni geometriche. In due piccoli tunnel ausiliari, appositamente realizzati, ha trovato collocazione un interferometro ottico.

Dunque, li ha pretesi Zichichi, lo stesso che ha ospitato presso il centro Ettore Majorana, la presentazione di un delirante progetto di “geoingegneria ambientale” messo in pratica in Europa. Infatti, nell’agosto dell’anno 1997 ad Erice in Sicilia, entrò in scena anche se non proprio fisicamente Edward Teller, l’inventore della bomba H. Dal 20 al 23 agosto di quell’anno andò in onda il «22nd International Seminar on Planetary Emergencies», organizzato proprio dal fisico Zichichi. L’architrave teorica della guerra non convenzionale, proibita dalla convenzione Enmod dell’Onu (entrata in vigore il 5 ottobre 1978) porta il seguente titolo: «Global Warming and Ice Ages: I. Prospects for Physics-Based Modulation of Global Change».

http://www.rense.com/general18/scatteringEdTellerwithnotes.pdf

Esattamente il 14 settembre del ‘97 fu pubblicato dal quotidiano Il Corriere della Sera, un articolo intitolato «Sparare in cielo uno scudo antiradiazione». Un’illuminata sintesi recita:

«Uno sconcertante progetto del celebre scienziato Edward Teller per affrontare i problemi dell’effetto serra Sparare in cielo uno scudo antiradiazione ERICE L’ingegneria planetaria, cioe’ la possibilita’, da parte dell’uomo, di modificare a proprio vantaggio i grandi sistemi geologici e geofisici della Terra, e’ una delle chimere della fantascienza. Al Seminario sulle “Emergenze Planetarie”, che si e’ svolto presso il Centro Ettore Majorana di Erice, questa chimera e’ diventata un progetto scientifico: “I cambiamenti climatici, provocati dall’uomo o da cause naturali, possono essere scongiurati da meccanismi artificiali di regolazione della radiazione solare”. Quali? C’e’ l’imbarazzo della scelta: prodotti chimici, metalli e cristalli, da immettere in stratosfera o in orbita terrestre, sotto forma di minute particelle. A sottoscrivere queste singolari affermazioni e’ Edward Teller, uno scienziato di indiscussa genialita’, anche se si e’ spesso attirato severe critiche per la sua adesione a programmi di ricerca scientifica e tecnologica finalizzati alla produzione di nuove armi. Membro del Manhattan Project che porto’ alla realizzazione della prima bomba atomica durante la Seconda guerra mondiale, padre della bomba H sperimentata negli anni ’50, piu’ recentemente fra i maggiori supporter dello scudo stellare, Teller doveva intervenire personalmente al seminario di Erice, come fa puntualmente da diversi anni, per presentare il suo grandioso progetto di ingegneria planetaria dal titolo esplicito: “Effetto serra e glaciazioni. Prospettive per un meccanismo di regolazione dei cambiamenti globali su basi fisiche”. Gli acciacchi della sua tarda eta’ (compira’ 90 anni a gennaio prossimo) glielo hanno impedito: al suo posto ha parlato il suo allievo Lowell Wood, che e’ il secondo firmatario del progetto. Secondo Teller e Wood i tempi sono maturi per sperimentare una serie di “scatterers”, ossia di dispositivi per la diffusione della radiazione solare, che possono essere impiegati per modulare, a piacimento, le temperature medie globali. “Da piu’ parti viene suggerito che per prevenire il surriscaldamento globale, dovuto alle emissioni di gas serra nell’atmosfera da parte dell’uomo, si debba ricorrere a riduzioni dei consumi energetici concordate su basi internazionali. Tali limitazioni comportano un impatto economico stimato in 100 miliardi di dollari all’anno. Ebbene noi, a costi inferiori alla centesima parte di questa cifra, suggeriamo l’impiego di scatterers che rimandino indietro nello spazio circa l’uno per cento della radiazione solare che oggi arriva sulla Terra: tanto quanto basterebbe per scongiurare il surriscaldamento globale. D’altra parte quando, come ci si aspetta, arrivera’ una delle cicliche ere glaciali, un analogo tipo di scatterers potrebbe essere impiegato per impedire l’uscita di quel tre per cento della radiazione termica terrestre necessario per mantenere le nostre temperature medie ottimali e evitare che il nostro pianeta precipiti nel gelo delle glaciazioni”. Gli scatterers di cui Teller e Wood propongono la rapida sperimentazione sono di diversi tipi e dovrebbero essere collocati in diversi luoghi dentro o fuori il pianeta, al fine di verificarne la funzionalita’ e l’impatto ambientale. Eccoli in ordine crescente di efficienza nella diffusione della radiazione solare. 1) Spray di ossidi di zolfo (SO2 o SO3) da disperdere in stratosfera emulando un’emissione simile a quella prodotta dal vulcano filippino Pinatubo; 2) particelle di alluminio allo stato cristallino (Al2O3) da immettere in stratosfera attraverso i getti di missili; 3) minuscole pagliette di metalli a elevata conducibilita’ da distribuire o in stratosfera oppure in orbita terrestre; 4) palloncini volanti ricoperti di un sottile film metallico, del tutto simili a quelli usati per gioco dai bambini, da liberare dal suolo fino alla stratosfera; 5) particelle submicroscopiche di perfluoroidrocarburi con capacita’ di diffondere la radiazione solare per risonanza, da collocare in stratosfera. Assicurano Teller e Wood, che nel caso della collocazione stratosferica, sarebbe possibile variare la quantita’ degli scatterers anche in funzione della latitudine, in modo da creare una serie di bande parallele all’equatore e arrivare cosi’ a una “regolazione fine” della radiazione solare a seconda delle esigenze. Quanto alla massa totale del materiale necessario per ottenere gli effetti desiderati, essa varia dai milioni di tonnellate (caso degli scatterers meno efficienti) alle migliaia di tonnellate (scatterers piu’ efficienti). Cio’ che ha piu’ colpito la platea di Erice non e’ tanto l’eccesso di innovazione e di stravaganza del progetto (gli scienziati americani ci hanno abituato a delle fascinose fughe in avanti), quanto la totale mancanza di sensibilita’ ambientale che lo contraddistingue. Risolvere l’effetto serra nei termini proposti da Teller significa rimuovere del tutto la questione degli sprechi e dell’inefficienza energetica, a danno totale del pianeta che si afferma di voler salvare».


Italia: 24 agosto 2016


Italia: scie belliche NATO – foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

Tutto brevettato negli Stati Uniti d’America (incluso Eastlund nel 1987) e certificato dalla documentazione militare dell’US. Air Force, nonché di numerose università nordamericane. Dal rilascio dichemtrails che rendono l’aria maggiormente elettroconduttiva, in modo tale da consentire alle onde elf di penetrare nel sottosuolo al fine di provocare terremoti, previa sollecitazione delle faglie sismiche attive a livello superficiale. Ecco perché gli ipocentri sono così limitati (4-10 chilometri in media) e standardizzati dalle impostazioni dei riscaldatori ionosferici. Quindi si aziona il bombardamento con le onde elf quando i sismografi rilevano le prime scosse. L’effetto è devastante perché si compie un’amplificazione, a pochi chilometri sotto la crosta terrestre, di un fenomeno naturale già in atto che, di per sé, non cagionerebbe un gran danno perché i terremoti naturali avvengono in profondità. Potenziare un terremoto naturale non lascia prove della manipolazione, è il delitto perfetto. Cosa può provocare movimenti tellurici, in linea retta, come in uno schema matematico-geometrico? Solamente una macchina per i terremoti pilotata da un computer che calcola basandosi su un modello teorico, anche in tempo reale. I fatti dicono che il giorno prima del terremoto qualcuno ha notato nell’Italia centrale uno tsunami elettromagnetico. Se tu vedi delle nubi non conta. Conta che dopo questa segnalazione c’è stato un devastante terremoto proprio nelle zone dove veniva segnalato un bailamme di fulmini senza tuoni. Una coincidenza?

Il 19 luglio 2001, a Genova, durante il famigerato G8 e la contestuale mattanza dei pacifisti, l’allora primo ministro Berlusconi ha sottoscritto un accordo segreto sulla sperimentazione climatica con l’inquilino della White House, tale Bush junior. All’affare partecipano da allora INFN, INGV, CNR, FIAT (editore del quotidiano La Stampa che nega ovviamente l’evidenza, ora accorpato dai De Benedetti), Ansaldo Nucleare, Finmeccanica, Enac, Enav, Aeronautica Militare (a cui è demandato il controllo virtuale dello spazio aereo), eccetera. Vale a dire quelli che controllano prevalentemente l’economia, l’editoria, i mass media e l’ambito militare in Italia per conto della NATO (da cui tutti prendono ordini: quelli in doppiopetto istituzionale, quelli in divisa d’ordinanza e quelli in camice bianco in particolare i sismologi istruiti annualmente dagli esperti bellici dell’alleanza atlantica). Anche altre ex nazioni europee hanno siglato accordi segreti e separati dello stesso tenore con lo zio Sam.

Il bombardamento elettromagnetico e l’irrorazione del territorio italiano è decollata a tutti gli effetti, nel gennaio 2002, anche se già nel 1963 Nasa e Max Planck Institute condussero un esperimento segreto sulla Sardegna, con dispersione del tossico bario. In tal modo, gli effetti distruttivi nel belpaese non si sono fatti attendere, come attesta la stessa ordinanza del presidente del consiglio dei ministri, datata 23 ottobre 2003, nonché la sequela di atti parlamentari (interrogazioni ed interpellanze) che dal 2002 ai giorni nostri sono state presentate sulla guerra ambientale in atto, e in gran parte non hanno avuto risposta da governi eterodiretti di tutte le salse.

Non è tutto. «Dichiarazione dello stato di emergenza socio-economico ambientale nel territorio delle province di L’Aquila e Teramo interessato dagli interventi necessari alla messa in sicurezza del sistema Gran Sasso» è il titolo di un decreto del presidente del consiglio dei ministri 27 giugno 2003 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale numero 154 del 5-7-2003), in cui è scritto:

«Rilevato che, in data 16 agosto 2002, all’interno dei laboratori di fisica nucleare del Gran Sasso, durante la fase di test di un impianto di filtrazione e purificazione della pseudocumene, nell’ambito dell’esperimento denominato Borexino, si e’ verificato un incidente comportante il sversamento nel pozzetto di drenaggio di circa 50 litri di detta sostanza chimica; Considerate le caratteristiche geomorfologiche del territorio in cui e’ localizzato il succitato laboratorio e nel quale e’ presente la rete idrica che alimenta l’acquedotto Ruzzo; Considerato che allo scopo di verificare eventuali commistioni tra le acque di raccolta dello stillicidio all’interno del laboratorio e l’acqua potabile destinata al consumo umano, sono state effettuate delle indagini commissionate dall’azienda consortile dell’acquedotto del Ruzzo di Teramo, dalle quali e’ emersa la sussistenza di un collegamento idraulico ed idrogeologico tra tutte le sorgenti e gli sbarramenti che hanno costituito oggetto di studio; Preso atto del provvedimento in data 28 maggio 2003 del giudice per le indagini preliminari di Teramo, con cui e’ stato disposto il sequestro preventivo della sala C dei laboratori del Gran Sasso; Constatato che in data 18 giugno 2003 durante le prove di monitoraggio effettuate dai tecnici della commissione e’ stata ritrovata una sostanza del tipo diisopropilnaftalene nelle acque destinate al consumo umano; Considerata la necessita’ di contenere gli effetti di eventuali sversamenti di sostanze pericolose proprie delle lavorazioni in corso all’interno del laboratorio attraverso l’adozione di misure di prevenzione dei fenomeni di inquinamento, di messa in sicurezza degli impianti e, se del caso, mediante opportuni interventi infrastrutturali; Considerato che, nonostante tutte le forme di controllo attivate dalla regione Abruzzo al fine di mettere in sicurezza l’intero sistema Gran Sasso, e’ necessario porre in essere interventi di carattere straordinario, al fine di superare il contesto emergenziale in atto; Considerata, quindi, la ineludibile esigenza di definire un piano globale di messa in sicurezza dell’intero sistema, al fine di prevenire eventuali danni alla salute pubblica… Decreta: Ai sensi e per gli effetti dell’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, in considerazione di quanto in premessa, e’ dichiarato, fino al 30 giugno 2004, lo stato di emergenza socio-ambientale nel territorio delle provincie di L’Aquila e Teramo della regione Abruzzo per le parti interessate dagli interventi necessari alla messa in sicurezza del sistema Gran Sasso. Il presente decreto verra’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 27 giugno 2003 Il Presidente: Berlusconi».

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario;jsessionid=56D067C0105CD699D3DA4ABBB3A849D7.ntc-as2-guri2a?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2003-07-05&atto.codiceRedazionale=03A07953

Il giornale L’unità del 10 settembre 2002 titola: «Gran Sasso, stop agli esperimenti Trovate tracce di inquinamento delle falde acquifere, la perdita causata da errore umano durante un esperimento Fermi sine die i laboratori che utilizzano sostanze tossiche, appello del Wwf».

E per non farci mancare nulla emergono perfino le ecomafie istituzionali. Ecco quanto si legge nell’interrogazione a risposta scritta numero 4/06719 del 24 giugno 2003, a tutt’oggi senza risposta:

« Al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, al Ministro della salute, al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. – Per sapere – premesso che: il Corpo Forestale dello Stato, a seguito di una indagine, ha rinvenuto e sequestrato in una discarica abusiva, nella provincia di L’Aquila, tonnellate di rifiuti tossici provenienti dai laboratori dell’Istituto di fisica nucleare del Gran Sasso; il materiale tossico era stato abbandonato in tre località: Tempera, Sassa e Pettino, in quest’ultimo caso nelle vicinanze dell’ospedale San Salvatore; in alcuni fusti di plastica è stato rinvenuto olio misto a Trimetilbenzene, parte del materiale tossico è finito anche nel terreno; si tratta dello stesso olio che secondo la Direzione dei laboratori del Gran Sasso era stato versato «per errore umano» in un tombino e che si era infiltrato nella falda idrica che alimenta gli acquedotti abruzzesi; le sostanze tossiche scoperte in tre discariche abusive sono un pericolo per l’uomo in particolare per il possibile inquinamento delle falde acquifere; l’Istituto di fisica nucleare del Gran Sasso si era rivolto ad una ditta de L’Aquila per smontare e smaltire un macchinario utilizzata per l’esperimento «Macro», compresi i rifiuti tossici contenuti nei fusti, la ditta incaricata attraverso imprese subappaltanti avrebbe dovuto trasferire tutto in discariche autorizzate, in realtà l’olio tossico e nocivo è in parte finito in discariche abusive e in parte a due raffinerie di Milano e Napoli che lo hanno acquistato come olio «puro»; già lo scorso 29 maggio 2003 il corpo forestale aveva sequestrato la sala C dei laboratori del Gran Sasso a seguito della verifica delle regole di sicurezza riscontrate assenti, e per questo l’attività di ricerca sospesa e i laboratori chiusi -: se i Ministri interrogati non ritengano necessario e improrogabile procedere all’immediata messa in sicurezza dei laboratori dell’Istituto nazionale di fisica nucleare del Gran Sasso; quali iniziative intendano intraprendere affinché fatti come quelli accaduti in relazione allo smaltimento di rifiuti tossici e nocivi dei laboratori del Gran Sasso non abbiano più ad accadere in quanto rappresentano un rischio gravissimo».

Il sito online dell’Istituto nazionale di fisica nucleare snocciola la seguente pappardella in pasto ai creduloni:

«I Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS), uno dei quattro laboratori dell’ INFN, sono i più grandi laboratori sotterranei del mondo in cui si realizzano esperimenti di fisica delle particelle, astrofisica delle particelle e astrofisica nucleare. Situati tra le città di L’Aquila e Teramo, a circa 120 km da Roma, i Laboratori sono utilizzati come struttura a livello mondiale da scienziati provenienti da 22 paesi diversi; attualmente ne sono presenti circa 750 impegnati in circa 15 esperimenti in diverse fasi di realizzazione. Le strutture sotterranee sono collocate su un lato di un tunnel autostradale lungo 10 chilometri che attraversa il Gran Sasso, direzione Roma, e consistono di tre grandi sale sperimentali, ognuna delle quali misura circa 100 m. di lunghezza, 20 m. di larghezza e 18 m. di altezza e tunnel di servizio, per un volume totale di circa 180,000 metri cubi. I 1400 m. di roccia che sovrastano i Laboratori costituiscono una copertura tale da ridurre il flusso dei raggi cosmici di un fattore un milione; inoltre, il flusso di neutroni è migliaia di volte inferiore rispetto alla superficie grazie alla minima percentuale di Uranio e Torio presente nella roccia di tipo dolomitico che costituisce la montagna. Compito dei Laboratori del Gran Sasso è di ospitare esperimenti nel campo dell’ astrofisica nucleare e fisica delle particelle… Principali argomenti di ricerca dell’attuale programma sono: la fisica dei neutrini naturalmente prodotti nel Sole e in esplosioni di Supernova, e lo studio delle oscillazioni del neutrino attraverso un fascio di neutrini provenienti dal CERN (programma CNGS), la ricerca della massa del neutrino in decadimenti doppio b senza emissione di neutrini, la ricerca sulla materia oscura e lo studio di reazioni nucleari di interesse astrofisico».

Questo laboratorio è sotto la tutela del ministero della difesa, ovvero della guerra sotto mentite spoglie, differentemente da tutti gli altri laboratori di ricerca italiani. E non vi è modo che un ente indipendente o civile possa accedervi per controlli, in violazione della convenzione europea di Aarhus, ratificata dalla legge italiana 108 del 2001.

Il piano di emergenza esterna della prefettura dell’Aquila, sia pure datato, avverte che si tratta di un impianto a rischio di incidente rilevante:

«L’attività di detta Azienda risulta, allo stato attuale, soggetta agli obblighi di cui agli art. 8 del D.Lgs. 334/99 e successivo D.Lgs. 238/2005 di modifica ed integrazione, in quanto in essa sono depositate sostanze pericolose in quantitativi tali da rendere possibili scenari incidentali significativi ai fini della pianificazione di emergenza esterna».

I laboratori sotterranei dell’Istituto nazionale di fisica nucleare sono fra i più grandi e importanti del mondo e si trovano a circa 1.400 metri nel cuore del massiccio roccioso centrale del Gran Sasso, sotto la vetta del Monte Aquila, e si articolano in tre sale sperimentali, lunghe 100 metri per 20 di larghezza e 20 di altezza. All’interno sono montati macchinari per le rilevazioni sulle particelle che riescono ad attraversare la massa di roccia della montagna, che di fatto filtra o addirittura elimina quelli che vengono chiamati “rumori di fondo”, permettendo di studiare processi fisici molto rari o difficili da scoprire. Qui lavorano circa 60 persone, men tre altre 20 fanno capo ad aziende esterne che collaborano regolarmente per i laboratori, ai quali si aggiungono ogni anno circa 500 ricercatori, provenienti da tutte le parti del mondo.

Ricapitolando in sintesi. Alle 10,20 del 16 Agosto 2002, nella sala C del Lngs si verifica un incidente durante la fase di test di un impianto di filtrazione e purificazione della pseudo- cumene (ossia trimetilbenzene 1, 2,3: una sostanza largamente utilizzata nella produzione di resine ma che in laboratorio serve per rivelare i neutrini): circa 50 litri di questa sostanza raggiungono un pozzetto di raccolta delle acque reflue e da qui si riversano nel torrente Mavone. L’incidente rende evidenti le falle e i potenziali pericoli del sistema di filtrazione e purificazione dell’acqua di lavorazione (ne serve molta per gli esperimenti e per il raffreddamento delle apparecchiature), perchè si sono rilevati più punti di contatto fra la condotta di scarico dei laboratori con la falda che alimenta l’acquedotto del Ruzzo, ed anche con la rete stessa dell’acquedotto.

Per questo, nel maggio 2003, il giudice per le indagini preliminari di Teramo dispone il sequestro preventivo della sala C, spingendo tutte le autorità – locali e nazionali – a un intervento concreto, e per ora concordato, di messa in sicurezza dell’intero sistema. Nel giugno 2003, un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dichiara Area di emergenza socioeconomico e ambientale il territorio delle province dell’Aquila e di Teramo, portando alla nomina di un Commissario straordinario con il compito di definire l’esatta consistenza dell’incidente e le cause che l’hanno determinato, e di predisporre poi un piano di interventi per la bonifica delle aree eventualmente inquinate e il superamento definitivo dell’emergenza. Il tutto da avviare entro il dicembre 2005, quando termina lo stato di emergenza, utilizzando poteri straordinari di protezione civile.

Strettamente collegato al sistema Gran Sasso è il progetto di un terzo traforo, previsto dalla legge 366 del 1990, che ha stanziato 110 miliardi di lire per realizzarlo; il progetto è rimasto però sulla carta, per la forte opposizione degli enti locali e delle associazioni ambientaliste, e così è ancora, nonostante nel 2001 sia stato inserito fra i progetti prioritari della Legge Obiettivo. I motivi di tanta opposizione riguardano innanzitutto il sistema idrogeologico del Gran Sasso e i danni creati con la costruzione dei laboratori e delle due gallerie autostradali. L’acqua del Gran Sasso alimenta infatti gran parte degli acquedotti che servono le province di Teramo, L’Aquila e Pescara, ed è destinata all’uso quotidiano di circa 1milione di persone oltre che ai due principali poli economici della provincia di Teramo, quello agroalimentare e quello turistico.
I lavori hanno però intaccato le potenzialità di questo enorme bacino, ritenuto il più grande serbatoio idrico d’Abruzzo e fra i maggiori d’Italia: secondo un dossier del Wwf, gli scavi hanno determinato la perdita di enormi quantità di acqua, che nella fase di cantiere ha raggiunto i 2.150 litri al secondo sul versante teramano e 750 litri al secondo su quello aquilano (con conseguente allagamento delle gallerie e sospensione dei lavori); uno studio eseguito nel 1983 dalla Compagnia mediterranea prospezioni, per conto della Cassa per il Mezzogiorno, ha poi rilevato un abbassamento della falda acquifera di circa 600 metri (dagli originari circa 1.600 metri agli attuali 1.060), con conseguente flessione della portata delle sorgenti, variabile dal 25 per cento di quella del Pescara al 60 per cento di quelle del Ruzzo e di Casale San Nicola. L’Aquila rimanga senza acqua in primavera e nei periodi di secca, mentre Teramo non riesce a soddisfare le necessità della costa se non con la depurazione di acque superficiali. Davanti a un danno così profondo sono evidenti le preoccupazioni per ulteriori scavi nella stessa area.

Ed è istruttivo il seguente atto parlamentare:

«Interrogazione a risposta in Commissione 5-01995 presentata da NICOLA CRISCI mercoledì 14 maggio 2003 nella seduta n.309 CRISCI, MARIOTTI, BORRELLI e BELLINI. – Al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. – Per sapere – premesso che: il 16 agosto 2002, nel corso delle attività di sperimentazione e ricerca che si svolgono presso i laboratori dell’Istituto Nazionale di fisica nucleare (INFN) nel Gran Sasso d’Italia, si è verificato lo sversamento di liquidi riversatisi nel fiume Mavone, affluente del fiume Vomano, in provincia di Teramo; a seguito di questo incidente l’Amministrazione Provinciale di Teramo ed il WWF Abruzzo hanno avviato una procedura giudiziaria e la magistratura ha aperto un’inchiesta tesa ad accertare la verità sulla dinamica dei fatti accaduti il 16 agosto 2002; con ordinanza del 27 dicembre 2002 il Presidente del Tribunale di Teramo ha nominato consulente tecnico d’ufficio (CTU) l’ingegnere Berardo Naticchia con l’incarico di procedere all’accertamento sull’apparato sperimentale «Borexino» per verificare se da esso si fosse determinato il 16 agosto 2002 lo sversamento di liquidi individuando gli elementi ed il luogo degli scarichi; in data 29 aprile 2003 è stata depositata la relazione di accertamento tecnico preventivo redatta dall’ingegner Naticchia e nelle conclusioni rassegnate dal C.T.U. sono state esposte, tra l’altro, le seguenti considerazioni: a) che effettivamente vi è stato uno sversamento di liquidi, confluiti nell’impianto di smaltimento e di lì in parte direttamente nel sistema idrico esterno ed in parte verso i circuiti dell’impianto della centrale idrica; b) che sorgono dubbi circa la completezza della ricostruzione fornita dagli operatori dei Laboratori dell’I.N.F.N., anche perché il registro delle annotazioni non è integro e talune annotazioni sembrano apposte in tempi non sincroni con gli accadimenti; c) che vi sono sostanziali discordanze, per ciò che riguarda i liquidi sversati, tra le affermazioni degli operatori dell’I.N.F.N. e le risultanze del C.T.U., in quanto compaiono sostanze non compatibili con le operazioni descritte e riportate nel log-book dell’I.N.F.N.; d) che altri aspetti, emersi durante le operazioni di accertamento, destano particolare preoccupazione in quanto non hanno trovato da parte del C.T.U. una inequivocabile spiegazione e potrebbero richiedere ulteriori approfondimenti; è appena il caso di ricordare che l’incidente del 16 agosto è il primo che viene portato compiutamente all’attenzione dell’opinione pubblica, ma è necessario non dimenticare che solo nel corso dell’esperimento MACRO, svolto dal California Institute of Technology, si sono determinati ben dieci «processi anomali» con perdite di olio ed altre sostanze, secondo i dati rilevati sul sito web del CALTECH ed inoltre che, all’interno dei laboratori del Gran Sasso, sono stoccati ingenti quantitativi di sostanze ritenute pericolose; le conclusioni a cui perviene il C.T.U. rafforzano una serie di interrogativi sulla valutazione dell’entità del rischio per la popolazione e per gli stessi addetti ai laboratori, sul grado di pericolosità derivante da reazioni ed interazioni tra le sostanze utilizzate e l’ambiente, sulla possibilità di inquinamento delle falde acquifere con conseguente perdita di preziosa acqua potabile, sull’esistenza di piani di emergenza e sull’efficacia del sistema dei controlli praticati -: se non ritengano necessario assumere ogni utile provvedimento teso ad eliminare la persistente situazione di pericolo, anche attraverso la immediata sospensione delle attività di sperimentazione dell’I.N.F.N. nei laboratori del Gran Sasso d’Italia e, nel contempo, predisporre gli atti necessari alla sola realizzazione delle opere funzionali alla messa in sicurezza definitiva dei laboratori, attraverso l’utilizzo delle risorse economiche previste dalla Legge n. 366 del 29 novembre 1990.(5-01995)».

C’è almeno un giudice a Berlino, o comunque divino?

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/
riferimenti:

http://www.protezionecivile.fvg.it/ProtCiv/GetDoc.aspx/8804/OPCM03-3318.pdf?firstlanding=true

http://www.cnr.it/istituti/Descrizione.html?cds=075

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=teller

https://home.cern/about/accelerators/cern-neutrinos-gran-sasso

https://viaggiolabinfn.ts.infn.it/laboratori-nazionali-del-gran-sasso-lngs.html

http://www.raiscuola.rai.it/articoli/brain-import-laboratorio-di-fisica-nucleare-del-gran-sasso/16776/default.aspx

https://www.youtube.com/watch?v=k0ci-MizEfs

https://www.youtube.com/watch?v=7RYRo-qKlno

http://cerca.unita.it/ARCHIVE/xml/60000/56543.xml?key=emanuele+perugini&first=191&orderby=0&f=fir

https://www.ac.infn.it/contratti/Bandi_di_gara/disciplinare8387.pdf

http://www.ac.infn.it/contratti/Bandi_di_gara/SpecificheTecn9203.pdf

https://www.ac.infn.it/contratti/Bandi_di_gara/10309/Disciplinare%20tecnico.pdf

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4-00499&ramo=CAMERA&leg=9

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=5/01213&ramo=CAMERA&leg=14

http://leg14.camera.it/_dati/leg14/lavori/bollet/200306/0611/html/07/frame.htm

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=9/03200-BIS/036&ramo=CAMERA&leg=14

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=5/01995&ramo=CAMERA&leg=14

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/06719&ramo=CAMERA&leg=14

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/07289&ramo=CAMERA&leg=14

http://www.prefettura.it/FILES/AllegatiPag/1188/INFN%20definitivo.pdf

http://www.infn.it/news/news.php?id=216

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=gran+sasso

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/04/scie-chimiche-laccordo-segreto-dei.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=enmod

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/05/terremoto-in-abruzzo-segreto-di-stato.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/08/terremoti-innaturali.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=max+planck

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/08/sardegna-uno-zoo-industriale-e-bellico.html

http://www.corriere.it/cronache/16_agosto_24/terremoto-centro-italia-crollo-gran-sasso-cede-corno-piccolo-4cff0186-69b7-11e6-861b-4800bae751a1.shtml

4 pensieri riguardo “GRAN SASSO: UN LABORATORIO DI FISICA NUCLEARE CHE VIOLENTA L’ITALIA!

  • 1 novembre, 2016 in 18:48
    Permalink

    Sono l’autore di quello che definisci
    “pappardella in pasto ai creduloni”, se vuoi imparare qualcosa fammi sapere.

    Risposta
  • 2 novembre, 2016 in 15:36
    Permalink

    A me pare che te stai male!

    Risposta
  • 3 novembre, 2016 in 11:01
    Permalink

    Katia Caciagli, sei una povera pazza. O una sciacalla.

    Risposta
  • 5 novembre, 2016 in 20:22
    Permalink

    Articolo straordinario e sconvolgente!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: