HSING NU, IL POPOLO ADORATORE DELLE STELLE

Nell’epoca d’oro di conquista e rispettiva conoscenza di questo mondo cosiddetto periferico e barbaro da parte degli imperi europei questo prete francese scoprì qualche cosa di incredibile, qualcosa che oltre che modificare le nostre attuali teorie sul passato del mondo pone l’idea che il Tibet è sicuramente il luogo più enigmatico della Terra, ma soprattutto sarà il perno principale per spiegare il mistero, i mondi scomparsi, queste insolite teorie esoteriche, tantriche, religiose e via dicendo.

La scoperta avvenne nel lontano 1725 quando gli Hsing Nu erano già un popolo leggendario, avvolto nelle polveri del deserto; ma padre Dupard frugando dentro quella che sembrava la loro antica capitale trovò testimonianze archeologiche a dir poco sconvolgenti: mille monoliti che forse erano rivestiti di lamine d’argento, una piramide a tre piani (questo oggetto va a favore della famosa pancultura antidiluviana da noi più volte ipotizzata), la base di una torre azzurra, il palazzo reale, ma soprattutto fu colpito da un misterioso oggetto chiamato “la pietra lunare”: un masso bianco circondato da strani bassorilievi raffiguranti fauna e flora sconosciute.

Qualche anno dopo un altro esploratore francese di nome Latour rinvenne lance, scudi, armi, vasellame ornato con svastiche e spirali. La chiave dell’esistenza e della spiegazione di questo popolo non poteva escludere gli stessi Tibetani, che come si sa sono custodi di saperi antichi di sapore esoterico.
Infatti, ci dicono, fu riferito ad un gruppo di esploratori sovietici che la Piramide simboleggiava, dall’alto verso il basso: la Terra Antica, quando gli uomini raggiunsero le stelle; la Terra di Mezzo, quando giunsero dalle stelle; e la Terra Nuova, quando le stelle erano lontane!
 

Parecchi si sono cimentati nel tentare di tradurre questi misteriosi passi e vi vedono la cronaca di una colonizzazione spaziali in tempi remoti, ma i Tibetani oltre che concordare su quanto abbiamo appena detto ci dicono che gli Hsing Nu trovarono nella religione il proseguimento dei viaggi spaziali.

Volendo trovare un quadro chiaro riconosciamo di trovarci di fronte a un vero enigma poiché non sappiamo come inserire il fatto che popoli primitivi praticassero già i viaggi spaziali e le colonizzazioni dei pianeti: si tratta forse di quella grande civiltà X, che esistette prime dell’uomo da noi conosciuto, che si mise a colonizzare lo spazio come facciamo noi oggi, e che poi ritornò? Tutto è possibile, ma il cruccio è che non sappiamo come inserire tutti gli altri popoli misteriosi, le leggende paleoastronautiche e via dicendo!
Immaginiamo che la nostra società abbia prodotto una certa cultura anche in campo spaziale; ad un certo punto succede una catastrofe e tutto viene cancellato, ma alcuni popoli ne conservano il ricordo. Nasce così una nuova società, ignorante, parallela a quei popoli custodi di quel sapere dimenticato, che scopre infine come la Terra ospitò un tempo una civiltà evoluta che fece anche voli nello spazio.

Stiamo noi facendo forse la stessa cosa? Stiamo scoprendo i resti di una civiltà ancestrale di cui gli Hsing Nu forse erano i massimi esponenti o i custodi quando essa stava per cancellarsi? Possibile teoria, infatti anche la descrizione del monolite bianco “portato” dalla Luna e circondato da bassorilievi che mostrano misteriose faune e flore avrebbe un suo posto preciso: un souvenir della colonizzazione della Luna (questo spiegherebbe i possibili siti archeologici alieni su Marte e sulla Luna, a detta naturalmente di chi voglia credere che esistano tali resti!

Gli Hsing Nu, che si dice siano stati padroni di tecniche avanzate di comunicazione a distanza e nello spazio (tecniche ora coltivate dai Tibetani), furono cancellati dalla faccia della storia. Si dice che furono i Cinesi gli autori della loro estinzione, ma non possiamo escludere qualche catastrofe naturale. I superstiti di questa caddero nella barbarie dimenticando il loro mirabile passato.

La storia a questo punto sembra sempre la stessa: mondi scomparsi, tecnologie usate da misteriosi popoli forse consegnate all’umanità di allora da altri esseri provenienti dallo spazio, poi lasciati in eredità a gruppi culturali a loro volta estintasi a seguito di una o più catastrofi et simila. Ammettendo l’esistenza di tali razze ci chiediamo: da dove vennero? Quali aree geografiche occupavano? Perché giunsero qui sulla Terra?

Il quadro, già di per sé difficile, si viene quindi a complicare sempre di più di fronte a queste scoperte archeologiche alternative, capaci di stravolge teorie già di per loro senza solide basi, e forse non proprio attinenti alle realtà ancestrali che il pianeta Terra ebbe modo di ospitare.

 
https://crepanelmuro.blogspot.it/

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: