IL TUO METABOLISMO E’ LENTO ?

 

 

 

Quante volte abbiamo sentito qualcuno lamentarsi di non riuscire a dimagrire per colpa del metabolismo troppo lento? E in quante occasioni ci siamo chiesti che tipo di metabolismo utilizza il nostro corpo? Il metabolismo influisce attivamente nel consumo corporeo di energia ed è importante scoprire velocemente possibili alterazioni. Vi sono alcuni sintomi che possono aiutare a capire se il nostro metabolismo è lento ed esiste anche un test medico che, in caso di dubbi, può aiutare a interpretare correttamente i dati sintomatici. In questo articolo di unCome.it troverete una chiara spiegazione del concetto di metabolismo e vi verrà spiegato come capire se il vostro metabolismo è lento.

Cos’è il metabolismo

Il metabolismo è un insieme di processi e reazioni fisico-chimiche che permettono alle cellule del nostro corpo di svolgere le proprie funzioni vitali.

 

L’azione del metabolismo si distingue in due processi essenziali: il catabolismo e l’anabolismo.

Il primo si occupa della liberazione d’energia partendo da molecole complesse, il secondo utilizza questa energia per la costruzione di componenti molto importanti, come le proteine. Per capire come funziona il nostro metabolismo è fondamentale conoscere il nostro metabolismo basale, ovvero la quantità di energia che consuma il nostro corpo a riposo.

Immagine: treinomonster.com

Sintomi del metabolismo lento

Esistono alcuni sintomi che possono aiutarci a determinare la velocità del nostro metabolismo. Chi soffre di un metabolismo lento percepirà un senso di fatica costante (astenia), sarà più sensibile al freddo e riscontrerà secchezza della pelle e dei capelli. Altri sintomi del metabolismo lento sono la sudorazione eccessiva (iperidrosi), la pressione bassa e la presenza di dolori addominali, dovuti a stitichezza e gonfiore intestinale. Per quanto riguarda il rapporto tra peso corporeo e metabolismo è necessaria una precisazione. E’ vero che le persone con metabolismo lento riscontrano maggiori difficoltà a perdere peso e tendono ad ingrassare facilmente, ma è giusto sottolineare che il sovrappeso è una causa del rallentamento del metabolismo, non una conseguenza. In altre parole, se una persona inizia un tipo di vita sedentaria e comincia a seguire un’alimentazione scorretta, causerà un rallentamento del suo metabolismo.

Cause del metabolismo lento

Vi sono alcuni elementi che possono determinare una riduzione della velocità del nostro metabolismo. Come abbiamo già detto, una vita sedentaria tende a rallentare il nostro metabolismo, ma anche lo stress, seguito da fame nervosa, influisce sul nostro metabolismo. Esistono altri fattori che non possiamo controllare come l’età, il sesso e la menopausa. Infatti il metabolismo è più veloce fino a i 30 anni e diventa molto più lento dai 60 anni in poi (età della menopausa). Gli uomini normalmente presentano un metabolismo più veloce poiché possiedono una massa muscolare più sviluppata, mentre le donne aumentano il loro metabolismo durante la gravidanza e l’allattamento. Inoltre alcune malattie possono determinare un rallentamento del metabolismo, come l’anoressia e la bulimia, le allergie alimentari e l’ipotiroidismo.

Immagine: candidalazzari.it

Test per determinare la velocità del metabolismo

Se analizzando i sintomi non siete ancora sicuri del vostro tipo di metabolismo, potete consultare un dietologo e sottoporvi a un test olfattivo (odor test). Questo tipo di test si basa sul fatto che la percezione degli odori dipende dalla velocità dei cicli metabolici. Il soggetto verrà quindi invitato ad annusare alcune essenze vegetali e chimiche. Non tutti gli studiosi sono d’accordo sull’efficacia di questo tipo di test, ma negli ultimi anni si è molto diffuso tra i nutrizionisti per determinare un programma alimentare adeguato e personalizzato.

Immagine: bachecaannunci.it

Questo articolo é puramente informativo, in unCome.it non abbiamo la facolta di prescrivere nessun trattamento medico né realizzare nessun tipo di diagnosi. Ti invitiamo ad andare da un medico nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere.

Fonti:

http://www.doctoroz.com/

http://www.uncome.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: