IL VELENO DELLA TARANTOLA POTREBBE TRATTARE IL DOLORE DA SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE

veleno di tarantola. sindrome dell'intetsino irritabile

 

 

Il veleno della tarantola potrebbe costituire la base di un nuovo trattamento per il dolore associato con la sindrome dell’intestino irritabile, secondo una nuova ricerca pubblicata dalla rivista Nature

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo gastrointestinale funzionale . La causa della malattia resta ancora sconosciuta, ma fattori emotivi, farmaci, dieta e gli ormoni, possono scatenare o peggiorare i sintomi, mentre grassi alimentari e stress possono provocarla. Secondo la Fondazione internazionale per i disordini funzionali gastrointestinali (IFFGD), circa il 10/15 % delle persone in tutto il mondo, soffre della condizione.

I sintomi di IBS comprendono dolore addominale ricorrente, diarrea e costipazione.

Circa il 40 per cento dei casi sono lievi, il 35 per cento sono moderati e il 25 per cento sono gravi. Il 60-65% dei casi coinvolge le donne e si pensa che alcune donne con IBS subiscono chirurgia addominale inutile, nel tentativo di arginare il problema. Nel corso di uno studio, un team internazionale di ricercatori provenienti dagli Stati Uniti e Australia, hanno usato veleno di ragno per individuare una proteina che è coinvolta nella trasmissione del tipo di dolore causato da IBS.

Lo studio è stato condotto congiuntamente dal Prof. Stuart Brierley dell ‘Università di Adelaide, dal Prof. Glenn King della University of Queensland in Australia, dal Prof. David Julius dell’ University of California-San Francisco e dal Dr. Frank Bosmans, della Johns Hopkins University di Baltimora.

Il team ha studiato 109 veleni di ragno, scorpione e millepiedi. Il veleno di un tipo di tarantola che si trova in Africa occidentale, nota come Heteroscodra maculate, ha mostrato i migliori risultati.

( Vedi anche: Dal veleno del millepiedi una molecola per combattere il dolore )

Il veleno ha dimostrato di attivare un canale ionico, una proteina nei nervi e muscoli nota come NaV1.1, che svolge anche un ruolo nell’ epilessia.

Secondo questo studio, NaV1.1 potrebbe essere importante nel rilevamento e la trasmissione del dolore in IBS.

Il team ha poi scoperto che NaV1.1 era presente nei nervi del dolore-sensing nell’intestino, il che suggerisce che i livelli patologici di dolore addominale che affliggono le persone con IBS potrebbero derivare da NaV1.1.

Gli autori ritengono che l’identificazione del ruolo di NaV1.1 nella segnalazione il dolore cronico è il primo passo verso la creazione di nuovi trattamenti.
Le tossine della tarantola, come possono aiutare a trattare il dolore?

Il Prof. King ha osservato che il veleno del ragno è utile per lo studio dei processi di segnalazione del dolore negli esseri umani.

“I ragni producono tossine per uccidere la preda e difendersi dai predatori e il modo più efficace per difendersi da un predatore è quello di procurargli dolore lancinante”, dice il Prof.King. ” A causa di questo”, spiega, ” ci si può aspettare che il veleno di ragno è pieno di molecole che stimolano i nervi dolore-sensing nel corpo”.

Gli scienziati possono utilizzare queste informazioni per trovare nuove vie del dolore, osservando quali nervi si attivano quando entrano in contatto con i veleni.

Il team sta ora sviluppando molecole che bloccano NaV1.1 per alleviare il dolore da sindrome dell’intestino irritabile.

http://www.medimagazine.it/

Fonte:Medicalnews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: