Le Energie Sottili sono intorno e dentro di noi: guidano il nostro corpo e la nostra mente

Le teorie e le leggi riguardanti le energie sottili sono raccolte in numerosi studi scientifici di studiosi e premi Nobel di diversi paesi e, già dallo scorso secolo, giungono a noi come bagaglio di sapere preziosissimo e ancora troppo sconosciuto.

Le teorie e le leggi riguardanti le energie sottili sono raccolte in numerosi studi scientifici di studiosi e premi Nobel di diversi paesi e, già dallo scorso secolo, giungono a noi come bagaglio di sapere preziosissimo e ancora troppo sconosciuto. Definiamo oggi energia, ciò che possiede una natura elettromagnetica, sonora, gravitazionale o termica, misurabile. Esistono, tuttavia, altri livelli di energia che semplicemente non possono essere ancora misurati a causa di strumenti non sufficientemente sofisticati. La fisica quantistica, oggi, ci dice che quello che vediamo nel mondo fisico, non ha nulla a che vedere con il mondo “reale” sub-atomico. Ogni oggetto, ogni essere vivente, persino il vuoto sono in realtà permeati di quantitativi molto grandi di energia sottile o potenziale.

 

Definiamo oggi energia, ciò che possiede una natura elettromagnetica, sonora, gravitazionale o termica, misurabile. Esistono, tuttavia, altri livelli di energia che semplicemente non possono essere ancora misurati a causa di strumenti non sufficientemente sofisticati.

La fisica quantistica, oggi, ci dice che quello che vediamo nel mondo fisico, non ha nulla a che vedere con il mondo “reale” sub-atomico. Ogni oggetto, ogni essere vivente, persino il vuoto sono in realtà permeati di quantitativi molto grandi di energia sottile o potenziale.

Il campo di energia sottile a differenza di quello denso è molto più interessante, per il semplice fatto di essere inesauribile. Per questo, grandi menti stanno lavorando nel campo delle “free energies”, nel tentativo di trarre un giorno energia densa – per esempio elettricità – dalla matrice sottile.

I dottori Reich e Reichenbach dimostrarono che l’energia sottile si diffonde nell’universo grazie alla sua natura radiante; ogni organismo vivente l’assorbe dall’ambiente esterno e la irradia continuamente. Pertanto può essere irradiata da un oggetto e assorbita da un altro. L’effetto delle energie sottili che oggi molti scienziati studiano, è simile alle increspature concentriche prodotte da un sasso lanciato sulla superficie dell’acqua. L’energia densa è misurabile nel puro movimento della materia, mentre le onde collaterali sono fenomeni di risonanza attiva del campo energetico dell’acqua.

La moderna fisica quantistica ci offre nuove e impressionanti definizioni di queste energie, arrivando per esempio, al calcolo matematico di una energia unificata che precede lo scorrimento trasversale elettromagnetico, di natura eterica (es. professori David Bohm e Aharonov sulla teoria dell’ordine intrinseco).

I campi magnetici, elettrici, le emissioni di ioni, ogni radiazione, persino la luce ed i suoni, provocano inevitabilmente modificazioni profonde nel nostro sistema fisico ed energetico. Questi effetti sfuggono ancora a rilevazioni strumentali dirette, ma sono reali per i loro effetti tangibili ed innegabili. Il sensore più efficace al mondo atto ad identificarle è il nostro stesso psicosoma. Solo da qualche decennio si è dimostrato che i campi ionici negativi prodotti dall’aria di montagna, sono benefici alla circolazione ed ossigenazione. Tuttavia, da migliaia di anni empiricamente si sa che immersi nell’aria di montagna, o sulla riva di un mare incontaminato, o in acque termali curative, ci si sente meglio e si prova più benessere, perché il nostro sistema energetico si libera di congestioni e si arricchisce di vibrazioni benefiche. L’ambiente in cui viviamo e lavoriamo gioca, quindi, un ruolo chiave nel determinare il grado di rendimento e performance del sistema corpo. A seconda dei casi, esso può o supportare il nostro stato mentale, fisico e creativo o al contrario bloccarlo ed indebolirlo.

 

I campi magnetici, elettrici, le emissioni di ioni, ogni radiazione, persino la luce ed i suoni, provocano inevitabilmente modificazioni profonde nel nostro sistema fisico ed energetico. Questi effetti sfuggono ancora a rilevazioni strumentali dirette, ma sono reali per i loro effetti tangibili ed innegabili. Il sensore più efficace al mondo atto ad identificarle è il nostro stesso psicosoma.

Solo da qualche decennio si è dimostrato che i campi ionici negativi prodotti dall’aria di montagna, sono benefici alla circolazione e ossigenazione del corpo.Tuttavia, da migliaia di anni empiricamente si sa che immersi nell’aria di montagna, o sulla riva di un mare incontaminato, o in acque termali curative, ci si sente meglio e si prova generalmente più benessere, perché il nostro sistema energetico si libera di congestioni e si arricchisce di vibrazioni benefiche.

Al contraro, nelle città inquinate, nell’ufficio pieno di computer, in abitazioni geopatiche, il grado di equilibrio delle energie dense e sottili è molto carente e per questo possiamo provare disagio, stress, ansia, perdita di energia.

L’ambiente in cui viviamo e lavoriamo gioca, quindi, un ruolo chiave nel determinare il grado di rendimento e performance del nostro sistema corpo. A seconda dei casi, esso può, o supportare il nostro stato mentale, fisico e creativo, o al contrario bloccarlo ed indebolirlo.

La creazione di una vera “scienza dell’habitat” in futuro costituirà una vera e propria medicina preventiva, capace di creare perfette condizioni di equilibrio e conformità energetiche. Il nostro sistema energetico è, infatti, alla base del funzionamento del nostro essere fisico, mentale, emozionale e anche spirituale. Di conseguenza, nel momento in cui i nostri centri energetici perdono il loro equilibrio, gli effetti di ciò, si ripercuotono sul nostro essere ad ogni livello e in ultima analisi a livello fisico, generando malattie. Anche le malattie denominate “incurabili” hanno le loro radici nell’equilibrio energetico del nostro sistema sottile e tramite la sua cura possono essere risolte esse stesse.

Le energie sottili sono parte profonda e integrante della nostra realtà quotidiana (siamo composti anche di energia sottile) ed è perciò indispensabile conoscerle a fondo per un buon equilibrio psico-fisico. Da quelle geopatogene alle “ley line”: su queste ultime sono costruite quasi tutte le cattedrali romaniche e gotiche.

Ogni energia “densa” come il calore, l’energia eletttrica, l’energia nucleare, è composta anche dalla componente sottile; ma non è vero il contrario. Le energie sottili sono quelle che percepiamo, ad esempio, quando incontrando qualcuno, sentiamo piacere o avversione, senza aver detto nemmeno una parola: la percezionee è avvenuta, cioè, tramite il contatto delle rispettive auree.

Le energie sottili sono l’energia Reiki, diretta o a distanza, e sono anche quelle che un chakra “respira”, esattamente come se fosse un polmone, immettendo dentro il nostro organismo energia pulita ed espellendo energia di scarto. Le energie sottili si possono rilevare con la radiestesia o altri metodi di misurazione come il palming.

Il nostro corpo fisico è reso vivo e vitale da una struttura energetica generalmente invisibile, ma reale, fatta di forza vitale, ovvero (ciò che è lo stesso) di energia sottile. Questa struttura, che possiamo chiamare “Corpo di energia sottile”, è la “mente” e la memoria che guida il corpo fisico, i suoi organi, i suoi sistemi. Il corpo sottile è anche la guida degli stati di coscienza, delle emozioni, dei pensieri e della creatività. Quando esso è sano e carico di energia sottile, noi siamo sani e pieni di benessere. Quando si ammala, prima o poi, compaiono sintomi sgradevoli, malesseri e infine malattie.

L’energia sottile è prodotta da ogni campo di energia densa (elettricità, magnetismo, luce, calore, gravità, ecc.) ed anche da ogni essere vivente. I campi di energia densa, come l’elettricità ed il magnetismo, ne producono di due modalità diverse: “Plus”, che ha un effetto attivante sugli organismi viventi e “Minus”, che ha un effetto sedatorio e inibente.

Noi siamo circondati da un numero enorme di energie dense, ognuna delle quali può avere un profondo effetto sul nostro corpo di energia sottile e, pertanto, sulla nostra salute fisica e psichica. L’energia sottile si presenta, inoltre, con altre due modalità: “energia pura” ed “energia congesta o sporca”. L’energia pura attiva e nutre il corpo di energia sottile, quella congesta può trasformarsi in sintomi sgradevoli, in malesseri e perfino in malattie.

Noi siamo circondati da un numero enorme di energie dense, ognuna delle quali può avere un profondo effetto sul nostro corpo di energia sottile e, pertanto, sulla nostra salute fisica e psichica. L'energia sottile si presenta, inoltre, con altre due modalità: energia pura ed energia congesta o sporca. L'energia pura attiva e nutre il corpo di energia sottile, quella congesta può trasformarsi in sintomi sgradevoli, in malesseri e perfino in malattie. Le energie congeste sono prodotte da tutte le apparecchiature elettroniche, in alcuni casi dal pianeta stesso ed anche da organismi malati. E' perciò essenziale vivere in un ambiente depurato, soprattutto sotto l'aspetto delle energie sottili, da ogni energia sporca, congesta e ammalata. Le energie congeste sono prodotte da tutte le apparecchiature elettroniche, in alcuni casi dal pianeta stesso ed anche da organismi malati. E’ perciò essenziale vivere in un ambiente depurato – soprattutto sotto l’aspetto delle energie sottili – da ogni energia sporca, congesta e ammalata.

Noi riceviamo costantemente dal pianeta, dalle piante, dal sole e dall’intero cosmo formidabili quantità di energia sottile. Gli alberi, insieme alle caratteristiche iperdimensionali del globo, operano una vera e propria “trasmutazione energetica”: trasformano, cioè, le energie insalubri e congeste in energie pure e vitalizzanti. Si tratta non solo di energie di natura fisica, ma anche astrali e mentali. Grazie a queste inesauribili fonti energetiche che ci vengono fornite quotidianamente, noi ci manteniamo vivi e vitali. Quando queste fonti vengono a mancare, ci sentiamo depressi e stanchi.

Noi percepiamo la realtà esterna tramite i nostri sensi ed è proprio sulla base dei segnali che tramite essi vengono trasmessi al cervello, che ci formiamo un’immagine mentale di quello che ci circonda. Ci sono però percezioni, a volte sporadiche, a volte ricorrenti, che esulano dall’ordinario livello percettivo: sono di vario tipo e natura e vengono grossolanamente definite come “extra-sensoriali”.

Se non ci facciamo suggestionare dall’idea che si tratti di qualcosa di magico, quindi irreale o irraggiungibile, ci renderemo conto che tali percezioni le abbiamo tutti, anche abbastanza comunemente, ma che il più delle volte le soffochiamo negandone l’esistenza o l’importanza. La dimensione extra-sensoriale più facilmente raggiungibile è quella delle cosiddette “energie sottili”, così chiamate in contrapposizione alle altre forme d’energia comunemente note (elettricità, radioattività, calore, elettro-magnetismo, ecc.), denominate, come già detto prima nell’articolo, “energie dense”.

Su quest’argomento c’è, comprensibilmente, ancora parecchia confusione, dovuta al fatto che le conoscenze che oggi ne abbiamo, sono di diversa origine ed estrazione: le grandi tradizioni antiche, in particolare quella indiana e quella cinese; le tradizioni esoteriche occidentali; sebbene in forma molto confusa, le esperienze di chiaroveggenti e sensitivi ed infine gli esperimenti dei ricercatori contemporanei, anche con l’ausilio della moderna tecnologia.

Le energie sottili nel corso della storia e ovunque nel mondo sono state studiate e ad esse si riferiscono termini come “Prana”, “Chi” o “Qi”, “Orgone”, e “Forza vitale”. Nonostante a tutt’oggi, soprattutto a causa dell’assenza di un idoneo trasduttore sottile-elettrico, non esistano strumenti di rilevazione diretta delle energie sottili e, pertanto, della loro influenza sull’organismo e sulla psiche, un’enorme mole di lavori, condotti con razionalità e metodo scientifici, ne dimostra la loro esistenza.Rilevazioni indirette possono essere condotte con i test Kiniesiologici e con strumenti come il Vega Test, la Macchina Mora, il Biotest ed altri.

Con il termine “energie sottili” s’intende riferirsi sia alle bio-energie, che presiedono e sostengono lo sviluppo della vita biologica, sia a tutte le altre manifestazioni energetiche “occulte” presenti in natura: energie telluriche, ambientali, cosmiche, fino ad includere le energie psichiche.

Per quanto riguarda le energie negative, ne esistono di varie forme. Eccole elencate in sintesi:

A) Forme pensiero negative

– Pensiero aggressivo;
– pensiero violento;
– pensiero schiavizzante (dipendenza);
– pensiero indebolente (deridere e sminuire la persona);
– pensiero critico di superiorità (giudizio);
– pensiero razzista (potente in quanto collettivo);
– pensiero di dominazione mentale;
– pensiero diretto con precisa volontà malevola: malocchio, fattura rituale, maledizione;

B) Campi radianti psichici

Sono i campi energetici delle persone che quando sono positivi trasmettono positività nelle vicinanzementre quando sono negativi portano a contaminazione psichica negativa. Persone deluse, frustrate, arrabbiate, depresse, stressate, demotivate, emanano semplicemente tali qualità verso ciò che sta loro attorno.

C) Energie ambientali tossiche

Macchinari elettro-medicali, emettitori di forti campi elettromagnetici, antenne, linee dell’alta tensione, cellulari, luoghi e ambienti contaminati da azioni cruente (omicidi torture, violenti litigi) o dal contatto prolungato con persone sofferenti o situazioni drammatiche.

Teniamo presente che per alcune delle forme di negatività citate, può essere sufficiente un atteggiamento di serenità, sobrietà, vigilanza e assunzione di responsabilità, al fine di contrastarle.

Articolo del Dott. R. Zamperini

Tratto da: http://www.erboristeriarcobaleno.com/energia_sottile.html

Fonte: http://www.accademiametafisica.org/it/archivi-articoli/37-altri-insegnamenti/1096-le-energie-sottili-sono-intorno-e-dentro-di-noi-guidano-il-nostro-corpo-e-la-nostra-mente

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: