LE GROTTE BURROWS: OGGETTI EGIZI IN AMERICA?

Risultati immagini per grotte di burrows

Le grotte di Burrows, dal nome dell’americano Russel Burrows di Olney, nell’Illinois, che nel 1982, le scoprì per puro caso.

Queste sono un sistema di cunicoli e grotte, all’interno dei quali, erano nascosti, non soltanto corpi mummificati racchiusi in sarcofagi, ma anche migliaia di incisioni su pietra, sculture, tavole e manufatti in oro massiccio.

Naturalmente pochi scienziati hanno mostrato interesse per questi reperti , quasi subito classificati come falsi, poiché le incisioni mostrano influenze degli stili culturali più disparati, con associazioni con le culture fenicie o egizie che, in teoria non potevano avere avuto alcun contatto con il continente americano (infatti è ormai prassi comune quando viene repertato qualcosa che va contro il “paradigma”prima ignorarlo poi se proprio ciò rimane impossibile, la strada più semplice è quella di dare del falsario allo scopritore e screditarlo, un po’ come è successo al povero Fradin ed al sito di Glozel in Francia dove sono stati trovati reperti ed una forma di scrittura o simboli che richiamano per assoluta similitudine le scritte sui reperti di Burrows e quelli di padre Crespi.) …

Su alcuni reperti di Burrows, grandi quanto un piatto, sono raffigurati motivi straordinari : esseri alati metà uomo, metà animale; uomini con elmi, rappresentazioni della volta celeste, medaglioni ed iscrizioni, impossibili da decifrare, sono presenti decine e decine di motivi che possono essere interpretati come rappresentazioni di “visitatori” provenienti da altri mondi.

Insieme ad animali di terra e di mare, e ad alcune creature, abbigliate in modo strane, sono raffigurati quelli che sembrerebbero oggetti volanti, alcuni posati a terra, altri sarebbero in volo. Joseph Mahan , esperto di indubbia fama in storia indiana e presidente dell’Institute for the Study of American Cultures, Studiando l’enigma delle Grotte di Burrows fino a poco prima della sua morte, avvenuta nel 1995, era giunto ad una conclusione sensazionale:

 

”I resti umani trovati nelle grotte appartengono- a mio avviso- a creature del cosmo, sepolte assieme alle proprie mogli, figli , ai loro vestiti, ai loro beni e al cibo di cui avevano bisogno per il viaggio oltre la morte. 
Questi semidei erano i discendenti di creature immortali provenienti da altri mondi che, nella notte dei tempi, giunsero sulla terra a bordo di veicoli spaziali “infuocati” e che vi rimasero abbastanza a lungo da portare a termine delle manipolazioni genetiche.

Hanno trasmesso alla loro progenie una parte delle loro conoscenze, da tramandare di generazione in generazione, dall’arte della navigazione all’architettura.

 
Le hanno poi insegnato a “governare” con saggezza ed a curare le malattie. Lasciarono quindi la terra con la promessa che un giorno sarebbero ritornati”.

Mahan sarebbe riuscito ad acquistare ben 107 reperti in pietra delle Grotte di Burrows, dopo la sua morte imballati e riposti in un magazzino. E tutto ciò a significare come la storia dell’America precolombiana sia di gran lunga più interessante ed insolita ma soprattutto diversa da quanto è raccontato dai nostri migliori storici.

Gli esempi e gli influssi appaiono svariati, dall’ebraico e dal sumero al romano, al greco ed all’egiziano. Si è ipotizzato che la grotta fosse stata un nascondiglio di pirati, che in tempi antichi avessero raccolto gli oggetti, quasi come un museo culturale. Insieme al Dr. James Scherz, lo studioso Fred Rydholm trovò correlazioni tra i simboli delle monete della Grotta Burrows e le monete coniate lungo la Via della Seta, tra la Cina e Roma.

I simboli predominanti erano Kushana e Satavahana. I Kushana furono una dinastia mercantile, che al tempo dell’antica Roma controllava le Vie della Seta, ed univano diversi popoli. Essi scomparvero durante la decadenza dell’Impero romano d’occidente, dopo il 300 d.C. I Satavahana erano una popolazione marinara, vivevano sulla costa dell’Oceano Indiano ed avevano grandi navi, raffigurate nelle loro monete. Scomparvero nel periodo 210–230 d.C. Ciò suggerisce una datazione della raccolta delle grotte Burrows tra l’inizio del primo millennio e l’anno 200 ca. d.C. Fred Rydholm riuscì a decifrare alcune delle iscrizioni, con l’aiuto di due giovani ricercatori della Florida, Paul Schaffranke e Brian Hubbard. Riconobbero somiglianze con l’antico alfabeto etrusco e tradussero una scritta come “latino da strada”, un gergo comunemente usato al tempo di Gesù Cristo. Altre tavolette di pietra sarebbero scritte in ebraico ed in egiziano.
Alcuni archeologi e linguisti hanno esaminato la collezione e ne hanno riconosciuto l’autenticità. Un ingegnere in pensione, Bill Kreisle, ha identificato su alcune tavolette accurate mappe del fiume Mississippi e della regione dei Grandi Laghi, come dovevano apparire 2000 anni fa (v. foto). Un’altra mappa di pietra mostra un fiume della Penisola Iberica (il Baetis, attuale Guadalquivir), e l’antica città di Cadice presso la foce. La cosa più stupefacente fu la scoperta di cripte sotterranee, scavate in profondità nell’arenaria, contenenti numerosi scheletri, gioielli, manufatti e statue.
Chi lasciò il tesoro è stato, a quanto pare, sepolto insieme ad esso. Fred Rydholm si è azzardato a dichiarare: “Ci sono indizi che i corpi trovati nelle cripte fossero dei capi d’una colonia di rifugiati, giunti qui dall’Egitto tolemaico, incluso un contingente d’Ebrei, proveniente dal regno di Mauritania, vassallo dei Romani”. Il Dr. Joseph Mahan, fondatore ed a lungo presidente dell’Institute for the Study of American Cultures (ISAC), dopo aver esaminato le traduzioni, ha ipotizzato: “Furono inviati segretamente in America con navi fornite dal re della Mauritania Giuba II e da sua moglie Cleopatra Selene, figlia di Cleopatra e di Marco Antonio. Insieme ai rifugiati viaggiavano i due fratelli della regina, scomparsi da Roma nell’anno 17 d.C., Tolomeo Filadelfo ed Alessandro Helios”.

Secondo altri, invece, questi sarebbero i resti d’un gruppo d’allievi sacerdoti, i quali, con i membri dell’ex famiglia reale, sfuggirono alla dominazione romana ed alla cristianizzazione dell’Egitto e partirono verso l’ignoto, in una data anteriore al 200–300 d.C. Le mappe e le altre figure incise sulle tavolette mostrano l’intenzione deliberata di trapiantare una cultura, forse per sfuggire alle persecuzioni religiose messe in atto dai romani dopo l’invasione dell’Egitto, per stabilire una remota colonia che potesse conservare le antiche tradizioni.

Il Dr. Joseph Mahan, archeologo ed antropologo, dopo un attento studio dei manufatti della grotta, individua nel materiale studiato una dettagliata cosmologia ed un patrimonio di credenze religiose, sensibilmente simile alle sopravvivenze presso le tribù indiane della zona. Nell’Illinois meridionale e dell’Indiana, la regione in cui Russell Burrows ha trovato le grotte, esistevano diverse culture primitive, delle quali gli archeologi conoscono ancora troppo poco.

Si trovano tombe, scheletri e manufatti della cultura Adena, attribuibili ad un periodo compreso tra il 500 a.C. ed il 200 d.C. Qui visse anche la cultura Hopewell, dal 100 a.C. al 350 d.C. Una civiltà misteriosa concentrata lungo il Mississippi, conosciuta come “Mississippian”, fiorì intorno all’800 d.C. e si pensa che esistesse ancora quando gli Spagnoli arrivarono. Il ricercatore Joseph Mahan sottolinea il fatto che gli archeologi hanno identificato un elaborato culto della Terra e del Sole, che durò almeno cinquant’anni e si svolgeva in templi rotondi dal tetto a terrazza. Questo culto si diffuse dal Mississippi nell’ultimo periodo del primo millennio. I tumuli piramidali, con un fuoco permanente sulla cima, contenevano una varietà d’oggetti artistici, incisi nel rame e nella pietra, che raffiguravano divinità dalla testa d’animale, croci, svastiche, sacerdoti in abiti cerimoniali. Questi tumuli sono diffusi dall’Oklahoma all’Illinois, Alabama e Georgia.

Le Grotte Burrows potrebbero essere la biblioteca perduta, il santuario, dei fondatori di quella misteriosa cultura? Provenivano essi davvero dall’ex famiglia reale egiziana ed erano sfuggiti al saccheggio della loro patria, all’inizio del primo millennio? Oppure si tratta, come molti hanno ipotizzato, dell’ennesimo falso storico, come si pensa di tanti altri “ritrovamenti” avvenuti in territorio americano?

Tratto da:La saga delle Grotte Burrows: Oggetti egizi in America?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: