“OGNUNO, QUALCUNO, CIASCUNO E NESSUNO”

 
E ora? Come vogliamo fare?
Come le ricostruiamo Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, Pescara del Tronto? Come alleviamo le sofferenze dei loro cittadini colpiti?

Con le chiacchiere europee o con denaro di Stato?

Con la competizione tutti contro tutti imposta dai trattati europei o con la solidarietà costituzionale?

CON L’ESEMPIO DI L’AQUILA L’EUROPA HA GIÀ AMPIAMENTEDIMOSTRATO LA SUA INDIFFERENZA VERSO LE POPOLAZIONI COLPITE DA CALAMITA’ ARRIVANDO A METTERCI SOTTO ACCUSA PER AVER DATO AIUTI DI STATO VIETATI NELL’UNIONE EUROPEA.

VOGLIAMO CONTINUARE COSI’, NEL SEGNO TRACCIATO DAI GRANDI SPECULATORI INTERNAZIONALI, O VOGLIAMO PRENDERE LE REDINI DEL NOSTRO TERRITORIO, DEL NOSTRO LAVORO E DELLE NOSTRE VITE?

VOGLIAMO PERSEGUIRE L’ASSURDA REGOLA DEL “PAREGGIO DI BILANCIO” IMPOSTACI DALL’UNIONE EUROPEA PER DISTRUGGERE IL NOSTRO PAESE, O TUTELARE I NOSTRI INTERESSI E LE NOSTRE ESISTENZE?

L’esempio offerto dall’Unione Europea nella concessione degli aiuti post terremoto a L’Aquila, ha già dimostrato quanto dannosa sia questa istituzione lontana anni luce dei cittadini; si consideri anche solo il fatto che l’Unione Europea ci ha messo sotto accusa per aver concesso aiuti di Stato (proibiti nella UE) ai nostri concittadini colpiti



con questo risultato:

L’INDIFFERENZA VERSO IL BENE COMUNE DELL’UNIONE EUROPEA E’ ISTITUZIONALIZZATA e, mentre si salvano banche che se la sono cercata (invece nazionalizzarle e salvare i loro correntisti), nulla si è fatto e si farà per risollevare un territorio distrutto.

Nella UE liberista, un territorio che non ha la fortuna di essere sede di multinazionali è un territorio da ignorare; e così sarà per Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, Pescara del Tronto ed i loro cittadini. Contateci.

ORA TOCCA SOLO A NOI

O NEUTRALIZZIAMO TUTTI GLI “EUROIMBECILLI” DEL NOSTRO PAESE O LORO FINIRANNO L’OPERA DEL TERREMOTO

IN NOME DI TUTTE LE VITTIME DELLA CRIMINALE INDIFFERENZA EUROPEA E’ GIUNTO IL MOMENTO DI SOLLEVARSI E COMBATTERE UNA CLASSE DIRIGENTE DI TRADITORI

DOBBIAMO CHIEDERE A GRAN FORZA UNO STATO SOVRANO E DEMOCRATICO CON FACOLTÀ DI EMETTERE MONETA SOVRANA, UNO STATO CAPACE DI RISOLLEVARE IL NOSTRO PAESE E LE SUE AREE COLPITE DA CALAMITA’

NESSUNA E RIBADISCO NESSUNA ISTITUZIONE EUROPEA E’ STATA CREATA PER AIUTARE LA GENTE E LA GENTE HA IL DOVERE DI SVEGLIARSI E LOTTARE PER I SUOI INTERESSI; SE NON SAPRÀ FARLO L’INDIGENZA SARA’ L’UNICA (MERITATA) PROSPETTIVA
Simone ArticoloUno Boemio

Fonte: http://scenarieconomici.it/e-ora-come-vogliamo-fare/

 

#Diciamo , quasi #tutto vero , #tranne la #Bufala sulla Magnitudo 6.1 considerata come #soglia

http://www.lastampa.it/2016/08/25/societa/la-bufala-della-magnitudo-falsata-per-non-pagare-i-danni-ai-cittadini-SigbcN5TBubknQSzVW1DaL/pagina.html

 

Inoltre:

Quel che temo non è tanto il terremoto, ma lo Stato parassita

“Quella che segue, è l’eredità legislativa lasciataci da Mario Monti,”Leggi QUI e l’inserto dell’articolo (successivamente aggiornato) e la documentazione dei commenti da me inseriti.

“Il mantra dello Stato:””Questa è la storia di quattro persone chiamate Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno.

C’era un lavoro importante da fare e Ognuno era sicuro che Qualcuno lo avrebbe fatto, Ciascuno avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece.
Finì che Ciascuno incolpò Qualcuno perché Nessuno fece quello che Ognuno avrebbe dovuto fare.”
Fonte: http://guardforangels.altervista.org/blog/quel-che-temo-non-e-tanto-il-terremoto-ma-lo-stato-parassita/#comments

“The death toll from the magnitude 6.2 earthquake in central Italy rose to 267 people, with 387 injured, Civil Protection Department spokeswoman Immacolata Postiglione said at a briefing Friday. Read more: http://sputniknews.com/europe/20160826/1044654225/italy-earthquake-death-toll.html”

 

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: