ROVINE DI UNA ANTICA CITTÀ ALIENA TROVATA IN ANTARTIDE. LA TESTIMONIANZA DI UN PILOTA DELLA US NAVY!

Il 2 Gennaio 2015, la ricercatrice UFO Linda Moulton-Howe (editore del sito web earthfiles.com) ha ricevuto una lettera inaspettata da un presunto ingegnere in pensione della US Navy, ex Sottufficiale di volo in prima classe.

La lettera che ha ricevuto Linda, racconta le esperienze in cui l’ufficiale anonimo della Us Navy (si riferisce a se stesso come “Brian” ) racconta le sue esperienze bizzarre e straordinarie di svariati salvataggi e di voli con gli aerei in Antartide, avvenute tra gli anni 1983 e il 1997. “Brian” sostiene che è a conoscenza di una collaborazione che esiste tuttora, tra umani e alieni e che l’Antartide è un importante sede e campo di ricerca per queste collaborazioni incredibili.

Come detto sopra, le esperienze di Brian e dei suoi voli in operazioni di salvataggio e oeprazioni di supporto e ricerca per conto della Us Navy in Antartide, sono avvenuti nel periodo 1983-1997 e alcune di queste operazioni comprendeva diverse osservazioni di dischi volanti di colore argenteo, che sorvolavano a forte velocità le montagne Transantartiche. Lui e il suo equipaggio avrebbero visto anche antiche rovine di una città Aliena e un grande buco nel ghiaccio a circa cinque – dieci miglia dal Polo Sud geografico (cerchio rosso sulla mappa) e che quest’area geografica doveva essere una No Fly Zone, ovvero una zona di non sorvolo da parte degli aerei dell’USAF e della Us Navy.

Ma durante una situazione di emergenza Brian racconta di essere entrato con tutto l’equipaggio dell’aereo, all’interno della No Fly Zone Aliena e di aver visto quello che non avrebbero dovuto vedere: un ingresso di una base di ricerca scientifica umano-aliena creata sotto il ghiaccio. Poi in un campo nei pressi della Marie Byrd Land, una dozzina di scienziati sono scomparsi per due settimane e quando sono riapparsi, equipaggio di volo di Brian ha ottenuto il consenso da parte della Us Navy di recuperarli. Brian dice che il team di scienziati non parlavano, erano muti e scioccati – “le loro facce sembravano spaventate” – racconta Brian nella lettera inviata a Linda.

Brina ha deciso di condividere quello che ha vissuto in quegli anni, nella seguente lettera, riprodotta integralmente qui di seguito dalla ricercatrice Linda M. Howe:

Hi Linda
Io sono un pensionato ingegnere aeronautico della Marina degli Stati Uniti, pilota di un aereo LC 130 che si è ritirato dopo 20 anni di servizio nel 1997. Ho avuto voglia di scrivere a lei dopo aver meditato per un lungo periodo di tempo, ed ecco quindi la mia decisione di scriverle e raccontarle la mia esperienza sul continente antartico, testimone di avvistamenti di dischi volanti e di cui mi è stato detto di non parlare. Ho servito il mio paese nei miei 20 anni in marina con un squadrone chiamato Antartic Development Squadron Sei o VXE-6 come era anche conosciuto. Ho operato con questo squadrone dal 1983, poi mi sono ritirato nel mese di marzo del 1997. Essendo un ingegnere di volo, ho potuto volare per più di 4000 ore in tale veste e ho visto cose che la maggior parte delle persone non possono nemmeno immaginare, di ciò che si trova sul continente dell’Antartide.

Equipaggio della Us Navy – Development Squadron Six o VXE-6

La terra ci sembra più estranea quindi terrena. Le nostre operazioni di questa terra ghiacciata hanno avuto inizio a fine settembre e si è conclusa alla fine di febbraio di ogni anno fino a quando lo squadrone è stato dismesso nel 1999.

Durante il mio servizio nella squadra, ho volato per quasi ogni parte del continente antartico tra cui il Polo Sud per più di 300 volte. La stazione McMurdo, che si trova a di 3,5 ore di volo dalla stazione del Polo Sud, è stata il posto base dello squadrone durante le nostre operazioni annuali. Tra queste due stazioni vi è una catena montuosa chiamata Trans antartica. Con quello che abbiamo chiamato Severe Clear, ovvero il tempo che si va da McMurdo al Polo Sud, sono visibili da altitudini di volo a circa 25.000 – 35.000 piedi la catena montuosa della Trans antartica. In diverse voli da e per la base McMurdo-Polo Sud, l’equipaggio ha visto veicoli non identificati, ovvero, dischi volanti che sfrecciavano intorno alle cime delle Trans antartica, quasi esattamente nello stesso punto ogni volta che si volava tra questa zona. Questo è molto insolito per il traffico aereo laggiù, a causa del fatto che gli unici aerei in volo sul continente, erano i nostri, ovvero quelli dello squadrone VXE-6. Ogni aeromobile sapeva dove l’altro aereo doveva eseguire il suo piano volo.

Un altro problema unico con la stazione del Polo Sud è che il nostro aereo non è stato mai permesso di volare sopra una certa area che si trovava a 5 miglia dalla stazione Mc Murdo. Il motivo dichiarato era a causa di una zona di campionamento dell’aria in quella coordinata. Questo non ha alcun senso per nessuno di noi della troupe, perché in 2 occasioni diverse abbiamo dovuto volare sopra questa zona. Una volta a causa di una evacuazione medica del campo australiano chiamato Davis Camp. E ‘stato sul lato opposto del continente e abbiamo dovuto fare rifornimento al Polo Sud e l’aerea di volo era diretta a Davis Camp passando proprio sopra la stazione di campionamento dell’aria. L’unica cosa che abbiamo visto passando raramente oltre questo campo, era un grande buco nel ghiaccio, come se ci fosse l’entrata di una enorme base. Si potrebbe volare con uno dei nostri LC130 sopra questa cosa.

E ‘stato dopo questa missione che siamo stati richiamati e informati da agenti dell’intelligence provenienti da Washington DC, che ci hanno detto di non parlare di questa zona, quella che abbiamo sorvolato e dove si vede il grande buco nel ghiaccio.

Una volta ci siamo avvicinati con la’ereo al “The air sampling Camp”- la zona di campionamento dell’aria – ma abbiamo avuto alcuni guasti elettrici sul velivolo, delle misteriose anomalie. Poi mi è stato detto di partire immediatamente da questa zona e riferire al nostro comandante di squadrone appena tornati a McMurdo. Inutile dire che il nostro pilota (il comandante pilota del LC130) è stato mandato via, esonerato dall’incarico della missione come anche il nostro equipaggio. Quindi tutti via dal Polo Sud per oltre un mese. C’erano altre volte in cui abbiamo visto cose che erano fuori dal comune.

Un campo periferico (vicino a Marie Byrd Land) abbiamo lasciato alcuni scienziati e le loro attrezzature. rimanendo sempre in comunicazione con McMurdo per 2 settimane. Il nostro equipaggio ha volato di nuovo al campo per scoprire se gli scienziati erano a posto con le provviste e se era tutto ok. Ma stranamente non abbiamo trovato nessuno lì dove li avevamo lasciati e nessun segno di qualsiasi loro presenza. La radio era attiva e ho provato a chiamare McMurdo per verificare che funzionasse correttamente. Abbiamo lasciato il campo e tornati a McMurdo come ordinato dal nostro Comandante. Una settimana dopo, uno scienziato ha comunicato a Mc Murdo di tornare di nuovo fino al campo per andarli a prendere. Appena caricato il team di scienziati, tutti erano muti, non parlavano all’equipaggio dell’aereo e sembravano spaventati.

Non appena siamo atterrati a McMurdo, gli scienziati sono stati messi su un altro dei nostri aerei parte dello squadrone e portai via in volo verso Christchurch in Nuova Zelanda. Non abbiamo mai sentito parlare di nuovo di loro, spariti completamente. La loro attrezzatura che abbiamo portato indietro dal campo è stata messo in quarantena e rispedita negli Stati Uniti, scortata dagli stessi agenti dell’Intelligence che ci avevano interrogato circa il nostro volo sopra la zona del campionamento di aria dove appunto c’è il grande buco nel ghiaccio. Potrei andare avanti e su molte cose e altre situazioni che ho osservato durante il mio tour con il VXE-6. Molto spesso abbiamo avuto delle discussioni tra gli equipaggi di volo sulle basi UFO al Polo Sud e alcuni membri dell’equipaggio avevano sentito da alcuni degli scienziati che in quella zona, dove si trova il camipnamento d’aria e il grande buco, che ci sono EBE (Entità Biologiche Extraterrestri) che lavorano e interagiscono con gli scienziati. Si tratta di una enorme base aliena dove gli Umani vi collaborano.

Brian, dell’età di 60 anni, si è laureato in un college dell’Iowa con il grado di Ingengnere con la specializzazione in Tecnologia di manutenzione aeronautica e un certificato di aviazione. Nel 1977, siè poi arruolato nella Marina degli Stati Uniti ed è stato per venti anni in servizio fino al suo pensionamento nel 1997. Ha fornito documenti al sito di Earthfiles della ricercatrice Multon Howe – con i suoi documenti DD-214 e altri certificati di servizio tra cui la Medaglia al valore dell’Antarctic Service Medal, conferita a lui il 20 novembre 1984 come prova del suo tempo in servizio. Non ci sembra essere molti segreti nascosti nella Antartide e ci sono più o meno sentito storie diverse ogni mese circa il personale militare idonei a rivelare informazioni su Aliens in quella parte del mondo!

Nel video qui sotto: Una città megalitica (Ancient ALien) più grande di alcune delle attuali megalopoli trovate nelle fotografie orbitali. La città è una sorta di complesso con una piramide e una struttura megalitica gigante a forma di una svastica.

 

 

Massimo F.

 
Redazione Segnidalcielo

Un pensiero riguardo “ROVINE DI UNA ANTICA CITTÀ ALIENA TROVATA IN ANTARTIDE. LA TESTIMONIANZA DI UN PILOTA DELLA US NAVY!

  • 24 ottobre, 2016 in 09:07
    Permalink

    I see your website needs some unique & fresh content.
    Writing manually is time consuming, but there is tool for this
    task. Just search for; Fasrixo’s tools

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: